Notizie locali
Pubblicità
C'è chi viene in Sicilia per curarsi: in tanti scelgono la Gamma Knife del Cannizzaro di Catania

Salute

C'è chi viene in Sicilia per curarsi: in tanti scelgono la Gamma Knife del Cannizzaro di Catania

Di Redazione

CATANIA - Il Gamma Knife dell’Ospedale Cannizzaro di Catania continua ad essere scelto da pazienti residenti fuori dalla Sicilia. La tecnologia Gamma Knife è una forma speciale di radiochirurgia che utilizza un sistema multisorgente per somministrare raggi gamma con estrema precisione e consente così di colpire lesioni cerebrali con un’elevata dose di radiazioni senza danneggiare il tessuto sano circostante e, in determinati casi, riducendo notevolmente il rischio di complicanze rispetto all’intervento chirurgico tradizionale.

Pubblicità

Negli ultimi due mesi, ripresa a pieno regime l'attività assistenziale ridotta durante il lockdown, al Centro dell’Azienda Ospedaliera si sono rivolte due donne della provincia di Roma e della provincia di Napoli. Una terza, di Reggio Calabria, ha programmato il trattamento il prossimo mese e un uomo della provincia di Cosenza è stato trattato a luglio. In un caso il trattamento è stato di tipo funzionale in quanto volto alla riduzione di una lesione cerebrale causa di epilessia. Per una lesione più aggressiva già ad aprile, in piena emergenza Covid-19, una 52enne del Leccese era stata curata dal Centro dell’Azienda Cannizzaro in quanto l’unico funzionante in tutto il Sud Italia.

Negli altri casi il ricorso al Gamma Knife è stato indicato per la cura di meningiomi, cioè tumori a origine dalle meningi che nei pazienti trattati erano localizzati in zone profonde dell’encefalo difficilmente raggiungibili con intervento chirurgico tradizionale, e in una donna si presentavano in forma multipla: il trattamento mininvasivo, possibile con questa speciale forma di radiochirurgia, ne ha consentito il blocco della crescita e in alcuni casi anche la riduzione senza apertura della scatola cranica.

«Si tratta - spiega il direttore generale Giuffrida - di un’eccellenza di alta tecnologia. Grazie al sostegno dell’assessore alla Salute Ruggero Razza l’Azienda Cannizzaro è impegnata a valorizzare al meglio questa preziosa risorsa del servizio sanitario regionale». 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: