Notizie locali
Pubblicità

Salute

Coronavirus: Tar Lazio, non luogo a provvedere su ricorso Lombardia su zona rossa

Di Redazione

Milano, 25 gen. (Adnkronos Salute) - Il Tar del Lazio ha dichiarato il "non luogo a provvedere" sul ricorso presentato dalla Regione Lombardia contro il passaggio in zona rossa deciso dal Governo, dopo che la difesa della stessa Regione ha rinunciato alla domanda cautelare. Il Tribunale amministrativo del Lazio ha preso la decisione "vista la istanza con cui la difesa della Regione rinunciava alla domanda cautelare", informando che, "a seguito della richiesta formulata dalla Regione Lombardia, la Cabina di regia, con verbale del 22 gennaio 2021, comunicava che, 'in forza di un nuovo invio di dati il giorno 20 gennaio 2021 [da parte della Regione Lombardia] con revisione anche retrospettiva da metà dicembre 2020 dei campi dati relativi alla 'data inizio sintomi' ed allo 'stato clinico' che determinano una riduzione del numero di casi notificati dalla regione stessa come sintomatici [...], la modifica impatta sul calcolo del valore Rt basato sulla data inizio sintomi al giorno 30 dicembre 2020 che, al ricalcolo, risulta pari a 0,88".

Pubblicità

La decisione è stata presa anche a valle della rivalutazione del ministero della Salute che, con ordinanza 23 gennaio 2021, disponeva che "alla Regione Lombardia si applicano le misure di cui all'art. 2 del medesimo decreto e, conseguentemente, cessano gli effetti dell'ordinanza 16 gennaio 2021", che la metteva in zona rossa, e considerando che "in forza della suddetta ordinanza è venuto meno l'interesse coltivato dalla ricorrente con l'istanza cautelare posta in calce al ricorso introduttivo, come del resto rappresentato dalla conseguente dichiarazione, restando riservata alla cognizione del merito la delibazione della domanda ricorsuale".

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA