Notizie locali
Pubblicità

Salute

Palermo, quattro trapianti di polmone all'Imsett in una settimana

Di Redazione

PALERMO - L’Ismett di Palermo ha eseguito quattro trapianti di polmoni in poco più di una settimana. Mediamente nel centro palermitano si eseguono circa 15 trapianti di polmone all’anno. L’eccezionale obiettivo è stato reso possibile grazie a quattro donazioni che si sono rese disponibili in rapida successione in tre diverse città: Messina, Catania e Roma. Ad essere sottoposti a trapianto sono stati tutti pazienti siciliani di età compresa fra i 23 ed i 64 anni. In un caso è stato utilizzato anche un donatore pediatrico, che il cui organo è stato trapiantato a una paziente affetta da interstiziopatia polmonare, in attesa da oltre cinque anni.

Pubblicità


«Le condizioni dei pazienti sottoposti a trapianto - sottolinea Alessandro Bertani, responsabile del programma di Chirurgia toracica e trapianto di polmoni dell’Istituto Mediterraneo Bertani - sono buone. Due dei quattro pazienti sono già stati trasferiti in degenza ordinaria, gli altri due sono ancora ricoverati in terapia Intensiva ma il loro decorso è regolare». «La difficoltà di questi interventi -spiega l’Ismett - deriva dal fatto che il polmone è l’organo più complesso da prelevare per la sua fragilità e perché è facilmente esposto a infezioni, traumi, agenti esterni. Per questo motivo solo un donatore su 10 può effettivamente donare anche i polmoni». La sequenza così ravvicinata di trapianti è ancora più straordinaria perché effettuata in periodo pandemico. «I polmoni - osserva Bertani - sono l’organo target del virus, pertanto sia i donatori che i riceventi possono essere colpiti dalla polmonite da Covid-19, mettendo a rischio il buon esito del trapianto. Per questo sono richiesti controlli accuratissimi prima di effettuare un prelievo o un trapianto dei polmoni». "Inoltre - aggiunge Bertani - gli specialisti che si occupano di prelievo e di trapianto polmonare sono gli stessi che si occupano ormai da più di un anno della gestione e trattamento dei pazienti Covid-19. Pertanto, le energie umane e organizzative per la donazione ed il trapianto sono messe a dura prova ed è spesso molto difficile riuscire ad organizzare una procedura così complessa come un trapianto di polmone. Anche le macchine Ecmo che vengono usate per i pazienti Covid sono le stesse necessarie per il trapianto di polmone». 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: