Notizie locali
Pubblicità

Salute

Covid: Altems, Puglia in testa per nuove aperture hub vaccinali

Di Redazione

Roma, 30 apr. (Adnkronos Salute) - Crescono i centri dove è possibile vaccinarsi contro il Covid-19 in Italia. Con alcune differenze regionali. Negli ultimi sette giorni, la regione Puglia ha attivato un numero notevole di punti di somministrazione (29) seguita dal Lazio (12), dalla Toscana (8) e dal Piemonte (7). Al contrario, in Basilicata, Campania, Lombardia, Marche, Molise, Provincia autonoma di Trento, Sardegna e Valle D'Aosta non risultano nuovi punti di somministrazione. E' quanto emerge del monitoraggio pubblicato nel Report settimanale dell'Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi sanitari dell'Università Cattolica, campus di Roma.

Pubblicità

In generale la Puglia presenta un maggior numero di punti di somministrazione territoriali (460) seguita dal Veneto (148), dalla Toscana (164) e dall'Emilia Romagna (141). Al contrario, la regione Sicilia registra un numero maggiori di punti di somministrazione ospedalieri (125) seguita dalla Lombardia (112) e dal Lazio (87).Al 27 aprile, per quanto riguarda il rapporto tra la popolazione residente e il numero punti di somministrazione (territoriali ed ospedalieri) per ciascuna regione, è ancora la Puglia ad avere il rapporto più basso: in media ogni punto vaccinale ha in carico circa 6523 residenti, seguita dalla Liguria con 8910 residenti. Al contrario, la regione Lombardia e Campania hanno il valore più alto, con un rapporto pari a 76004 residenti per la Lombardia e 94.790 per la Campania.

Per quanto riguarda il numero di somministrazioni per ciascun punto vaccinale (in base al rapporto tra vaccinazioni effettuate centri), il valore più alto dell'indicatore si registra in Campania, dove ciascun punto di somministrazione ha effettuato circa 30869 vaccini. Valori alti dell'indicatore si riscontrano anche in Lombardia (26485) e Molise (21508). Al contrario il suddetto indicatore rivela un basso rapporto tra vaccini inoculati e punti di somministrazione in Puglia (2412) ed in Trentino-Alto Adige (1978).

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA