home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Catania: il “regno dei morti” sotto la chiesa di Monserrato

Quando le chiese erano costruite con cripte sotterranee per i corpi degli ecclesiastici

Catania: il “regno dei morti” sotto la chiesa di Monserrato

Entrando nella chiesa catanese di Santa Maria di Monserrato, attraversando le navate laterali, si calpestano due botole in marmo che si confondono facilmente con il resto del pavimento. Non tutti sanno però che quelle botole servivano come accesso a una cripta che tutt’oggi si cela sotto la chiesa stessa.

Le chiese costruite dopo il terremoto del 1693 infatti presentano quasi tutte una cappella sotterranea atta a contenere i corpi degli ecclesiastici, ma tali cripte sono cadute in disuso a seguito delle leggi napoleoniche che imponevano le sepolture fuori città per motivi igienici ed egualitarismo.

La chiesa di Monserrato. Prima di sorgere dove oggi si trova, tra l’omonima via Monserrato (lungo corso delle Province) e via Matteo Renato Imbriani, la chiesa in questione sorgeva nei pressi dell’attuale ospedale Vittorio Emanuele, dove fu distrutta dalla colata lavica del 1669. Nel 1754 circa essa fu costruita nell’odierna collocazione, inglobando la preesistente confraternita di San Pietro, i cui resti sono ancora visibili nel fianco a sinistra della facciata della chiesa, in quella che appunto prende il nome di via San Pietro. Alla stessa data risale la costruzione della cripta, che si estende per tutta la superficie della chiesa e ha una profondità tale che permette di camminarvi in piedi senza problemi. L’accesso alla cripta era in corrispondenza dell’ingresso della chiesa e vi si scendeva tramite una scaletta: al centro si trova lo scolatoio, una parte inclinata in cui defluivano i liquidi rilasciati dai corpi in decomposizione posti al di sotto dell’altare.

Sepolture sotto l’asfalto. Non solo sotto l’edificio sacro, ma anche sotto l’attuale via San Pietro basta scavare di mezzo metro per trovare resti: infatti nel ‘700, dove oggi sorge la città, c’era campagna e molti terreni erano della Chiesa. Tra questi, quello al di sotto della vecchia confraternita di San Pietro era sfruttato direttamente come luogo di sepoltura, senza cripte.

La chiesa oggi. Nel 1963/64, quando fu avviato un progetto di demolizione e ricostruzione della chiesa, la cripta venne bonificata e tutte le ossa furono portate all’ossuario del cimitero di Catania. Oggi l’ipogeo non è visitabile: delle due botole che ne garantivano l’ingresso, una è stata murata, l’altra è ancora apribile e permette di scendere nei sotterranei, tuttavia essi non sono stati ripuliti per renderli accessibili al pubblico.

Nella parte bassa del muro esterno, lungo via Matteo Renato Imbriani, sono visibili delle finestrelle con delle grate: esse fungevano da prese d’aria per la cripta e tutt’oggi, abbassandosi e guardando con attenzione alla luce del giorno, è possibile intravedere qualcosa all’interno.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa