WHATSAPP: 349 88 18 870

SCONTRO RIDICOLO

A CATANIA I BLACK BLOC LI COMPRANO DAI CINESI. MEZZA MANGANELLATINA E SONO TUTTI EROI DELLA RESISTENZA NAZIFASCISTA

CASCHI, BOMBECARTA, ASSETTO DA GUERRA DEL CORTEO E DODICI CELERINI LI METTONO IN FUGA

A CATANIA I BLACK BLOC LI COMPRANO DAI CINESI. MEZZA MANGANELLATINA E SONO TUTTI EROI DELLA RESISTENZA NAZIFASCISTA

C'è il video di Andrea Lodato (eccitato manco che era in un covo dell'Isis) a testimoniare la ridicolaggine degli scontr... della baruff... delle copp... della jancatina che i celerini hanno dato a una ventina di pericolosissimi black bloc "a catanisa" che, secondo alcune testimonianze, si sono impadroniti della testa del corteo antirenzi, antireferendum, antibianco, antireptiliani, nomuos, notriv, nominch, indossando caschi e decidendo di oltrepassare il limite per il quale il corteo era stato autorizzato. Avevano anche una bomba carta. I difensori dei cascaroli dicono "la bomba carta" è esplosa DOPO la carica della polizia, senza evidentemente considerare, nella loro furia liberatrice dal fascismo imperante alla villa bellini, dove si fa notoriamente il passo della papera, che le bombe carta hanno la MICCIA. Dalle riprese dell'impavido Andrea Lodato ("spostiamoci spostiamoci, la tensione è alle stelle") si evince chiaramente come questi tremendi black bloc abbiamo cercato volutamente un paio di manganellate per sentirsi parte della STORIA (secondo loro Renzi alla villa Bellini è storia). Alla prima mezza manganellata sono scappati urlando allo scandalo nazifascista cileno etc etc. I difensori di sti scemi dicono che la reazione dei celerini è stata spropositata: certo, la testa del corteo indossa i caschi e le forze dell'ordine dovevano fargli BU', oppure intimidirlo scoppiando le bolle di plastiche della plastica antiurto. Chi scrive è stato il primo a scrivere, in nazionale, dei canti coreani degli alunni delle elementari al cospetto di Kim Jon Renz. Ma la scena di oggi è stata ridicola. Se questi sono gli antagonisti catanesi propongo di dotare le nostre forze dell'ordine dei manganelli in foto. Quelli col fischio.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

© DIREZIONE LA SICILIA - I contenuti di questa sezione sono prodotti e inseriti autonomamente dagli autori. Pertanto sono riconducibili alla diretta responsabilità dei blogger e non sono in alcun modo espressione dell’Editore, della Direzione e della Redazione di questa testata.

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 5
  • Sergio

    12 Settembre 2016 - 02:02

    Resto allibito da quanto riportato in quest'articolo. A prescindere da chi abbia ragione, ammesso che questa possa essere unilaterale, non si capisce se in quest'articolo venga derisa l'incapacità allo scontro dei manifestanti o la grandezza di una trentina di agenti che devono obbedire a degli ordini. Fatemi capire ci siete rimasti male perché non sono state bruciate auto e non è morto nessuno o siete così orgogliosi delle nostre temibili forze dell'ordine? Il giornalista che ha scritto l'articolo che ha addirittura narrato per primo del celeberrimo episodi dei bambini che cantavano l'inno a Renzi e quindi persona di importante caratura difficilmente con questo "pezzo" vincerà il premio Pulitzer. Sicuramente si sentirà maggiormente a suo agio quando deve scrivere dei cari ultras catanesi o delle forze dell'ordine che si fanno intimorire da quattro mascalzoni di quartiere e battono la ritirata senza arrestare il soggetto. Complimenti per l'arguzia, un motivo in più per non leggervi.

    Rispondi

  • sebastiano

    12 Settembre 2016 - 14:02

    Io ti invidio perchè sei retribuito per scrivere i post che chiunque scriverebbe sulla propria bacheca. Il livello del tuo giornalismo è ar dir poco sorprendente. Dieci cento mille bravo bravo bravoh

    Rispondi

Mostra più commenti

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

Qua la zampa

GOSSIP