Notizie locali

Pubblicità

Negli ultimi tempi, sempre più spesso capita di sentire parlare di cosplay e il numero di appassionati che indossano i costumi dei loro beniamini tratti da fumetti o film di successo sembra costantemente in aumento. Immaginereste mai qualcuno in grado di trasformare una semplice passione in una professione a tutti gli effetti?
La giovanissima Irina Meier ha costruito la sua popolarità proprio su questo: l'abbiamo intervistata per saperne di più.

Ciao e benvenuta!

Ciao! Questa è la prima volta che vengo in Italia e sono felicissima!Questa convention è davvero fantastica, mi sto divertendo moltissimo!

Da dove vieni?

Vengo dalla Russia e ho 21 anni.

Da quanto tempo questo tuo hobby è diventato una professione?

Difficile da dire. Più o meno da 2 anni, quando ho iniziato a viaggiare parecchio in molti paesi. E’ sempre stato il mio hobby e continuo a pensare che lo sia, la differenza è che adesso sono impegnata in tantissime convention e per questo, quindi, si può dire che sia anche il mio lavoro.

Come scegli i tuoi personaggi?

Dipende. A volte li scelgo perché mi piace il loro aspetto,i loro costumi e mi piace mettermi alla prova nel fare qualcosa di speciale, ma di solito mi piacciono le figure di donne forti che mi catturano con la loro personalità.

Sappiamo che i tuoi set sono molto particolari. Raccontaci quello che per te è stato il più memorabile.

Ad essere sinceri ho fatto parecchi set interessanti e in cui mi sono divertita, ma se proprio devo sceglierne uno direi Lara Croft: è stata una grande esperienza perché ho posato con un orso vero! Avevo solo 20 minuti per preparare tutto, era necessario posare e recitare proprio come il personaggio che stavo interpretando, ma al tempo stesso l’animale non voleva posare e mi toccava spesso cambiare posa rapidamente. Lo ricorderò per tutta la vita!

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: