Notizie locali
Chris Obe­hi e la ma­gia uni­ver­sa­le del­la mu­si­ca: «Rosa Ba­li­stre­ri mi ri­cor­da casa»

Sicilian Post

Chris Obe­hi e la ma­gia uni­ver­sa­le del­la mu­si­ca: «Rosa Ba­li­stre­ri mi ri­cor­da casa»

Sicilian Post Il blog di SicilianPost.it

Pubblicità

La mu­si­ca, per Chris Obe­hi, è una que­stio­ne di san­gue. «Mia mam­ma can­ta­va mu­si­ca go­spel, mio papà ama­va il reg­gae e mio zio suo­na­va il pia­no­for­te» è il ri­trat­to fa­mi­lia­re a cui il gio­va­ne mu­si­ci­sta ni­ge­ria­no, ar­ri­va­to a Lam­pe­du­sa nel 2015 dopo un pe­rio­do di pri­gio­nia in Li­bia e tra­sfe­ri­to­si pri­ma a Mes­si­na e poi a Pa­ler­mo, rial­lac­cia la na­sci­ta di una pas­sio­ne che oggi l’ha por­ta­to alla ri­bal­ta an­che gra­zie alla sua in­ter­pre­ta­zio­ne di “Cu ti lu dis­si” di Rosa Ba­li­stre­ri.

UN LIN­GUAG­GIO CO­MU­NE. Ener­gi­co e so­la­re, Chris è ca­pa­ce di tra­smet­te­re con la sola voce un sen­ti­men­to mol­to dif­fi­ci­le da pro­va­re e con­ser­va­re come la spe­ran­za. La na­tu­ra­lez­za e la gio­ia con cui vive la sua sto­ria e il suo re­cen­te suc­ces­so – Chris ha vin­to la men­zio­ne spe­cia­le a “Mu­si­ca con­tro le ma­fie”, ha ri­ce­vu­to la tar­ga SIAE gio­va­ne au­to­re e si è esi­bi­to in nu­me­ro­si fe­sti­val in giro per l’I­ta­lia – la­scia­no una bel­la sen­sa­zio­ne, come se qual­co­sa di giu­sto sia suc­ces­so alla per­so­na giu­sta. La mu­si­ca è sta­ta per Chris il lin­guag­gio uni­ver­sa­le con il qua­le sen­tir­si a casa an­che in una ter­ra che non era la sua: «Quan­do sono ar­ri­va­to qui non co­no­sce­vo la lin­gua, ma per for­tu­na ho in­con­tra­to mol­ti ami­ci mu­si­ci­sti. La mu­si­ca mi ha sal­va­to la vita e mi ha per­mes­so di co­mu­ni­ca­re. Quan­do sono ar­ri­va­to non è sta­to sem­pli­ce, ho vis­su­to cose brut­te, ter­ri­bi­li. Mol­te sono le per­so­ne che mi han­no aiu­ta­to e in­di­riz­za­to, tra cui gran­di ar­ti­sti, come Roy Paci, che con­ti­nua­no a spin­ger­mi o an­co­ra i ra­gaz­zi di Pa­ler­mo Fe­sti­val».

DAL­LA NI­GE­RIA ALLA SI­CI­LIA. De­ci­si­va, nel suo per­cor­so ar­ti­sti­co e di in­te­gra­zio­ne, la cit­tà di Pa­ler­mo. Qui il gio­va­ne mu­si­ci­sta si iscri­ve al con­ser­va­to­rio Bel­li­ni e ini­zia a stu­dia­re il con­trab­bas­so. Ma so­prat­tut­to è nel­la cit­tà fe­de­ri­cia­na che av­vie­ne il fol­go­ran­te in­con­tro con la mu­si­ca di Rosa Ba­li­stre­ri: «Quan­do ho ascol­ta­to “Cu ti lu dis­si” ho su­bi­to sen­ti­to qual­co­sa, come una rit­mi­ca afri­ca­na e mi è ri­ma­sta in te­sta. Mi sono ap­pas­sio­na­to e pia­no pia­no l’ho im­pa­ra­ta, ma è sta­to dif­fi­ci­le per la lin­gua. Sono in­na­mo­ra­to del­le sue can­zo­ni, ho co­min­cia­to ad ascol­tar­la ogni gior­no. Poi mi è ca­pi­ta­to di can­tar­la in piaz­za e il vi­deo è di­ven­ta­to vi­ra­le».

continua a leggere su Sicilian Post

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA