home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Siracusa: uccise l'amico con un pugno, 10 anni di carcere in Appello

La Corte di Appello di Catania ha emesso il verdetto riformando in parte la sentenza del gup di Siracusa che aveva inflitto, con rito abbreviato, all’imputato la condanna a 12 anni

Diede uno schiaffo "fatale" a un amico: condannato a 12 anni

Sebastiano Musso (a sinistra) e la vittima, Franco Iraci

SIRACUSA - Sebastiano Musso, 44 anni, operaio siracusano, è stato condannato a 10 anni di reclusione per l’omicidio dell’amico Franco Iraci, 44 anni, commerciante. La Corte di Appello di Catania ha emesso il verdetto riformando in parte la sentenza del gup di Siracusa che aveva inflitto, con rito abbreviato, all’imputato la condanna a 12 anni di carcere per omicidio preterintenzionale.

L'omicidio risale alla sera del 24 marzo 2016, alla vigilia di Pasqua. Tra Iraci e Musso, che erano andati in giro per i pub di Ortigia, è sorta una disputa verbale attorno a un’amica in comune. Dopo una prima schermaglia tra i due, alla presenza di una terza persona, Iraci ha insistito a recuperare il telefonino cellulare, dimenticato sulla vettura di Musso.

Fra Iraci e Musso sono volate parole ancora più pesanti e Musso sostiene di avere sferrato un pugno o una manata (non ricorda questo particolare) raggiungendo in pieno volto l’amico. Poi Musso si è allontanato e in auto si è recato in piazzale Marconi per fermarsi al bar “Cavallino rosso”. Ed è proprio in prossimità del locale pubblico che Musso ha detto di avere ricevuto la telefonata del terzo amico che gli diceva: «L’hai ammazzato».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

Qua la zampa

GOSSIP