home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Vertenze "aggiustate" con 3 mila euro: due sindacalisti arrestati a Siracusa

Sono il segretario provinciale della Fim Cisl e quello della Uilm (entrambi sono stati sospesi dai rispettivi sindacati). Gli imprenditori, vittime delle estorsioni, si sono rivolti alla Polizia che ai due ha teso una trappola

Vertenze "aggiustate" con 3 mila euro: due sindacalisti arrestati a Siracusa

Da sinistra Roberto Getulio e Marco Faranda

SIRACUSA - La polizia ha arrestato a Siracusa, Roberto Getulio, segretario provinciale della Fim Cisl, e Marco Faranda, segretario provinciale della Uilm, con l'accusa di estorsione. Secondo l’accusa i due avrebbero chiesto ad alcuni imprenditori 3 mila euro per appianare ogni vertenza sindacale. Le vittime hanno denunciato tutto alla polizia che ieri sera ha organizzato una trappola. Gli imprenditori si sono incontrati con i sindacalisti e non appena c'è stato lo scambio di denaro, sono intervenuti i poliziotti. 

«Siamo amareggiati per quanto accaduto ma allo stesso tempo fiduciosi nell’operato della magistratura e degli investigatori. Naturalmente ciò che è successo non intacca l’integrità e la moralità della nostra organizzazione che chiaramente rimane fuori da questa vicenda». Così Stefano Munafò, segretario generale territoriale Uil, dopo l'arresto per estorsione di Marco Faranda della Uilm. Munafò si augura che Faranda possa «chiarire personalmente la sua posizione. Immediato è giunto il provvedimento di sospensione cautelativa da tutti gli incarichi ricoperti da parte della Uilm nazionale».

«Siamo fiduciosi nell’operato della magistratura e degli investigatori. Il sindacato è fuori da questa vicenda, ci auguriamo che si faccia chiarezza e che Roberto Getulio, sospeso da tutti gli incarichi, chiarisca personalmente la sua posizione». Così Paolo Sanzaro, segretario provinciale della Ust Cisl di Siracusa e Ragusa, dopo l’arresto per estorsione di Roberto Getulio, segretario provinciale della Fim Cisl. «Noi siamo stati, restiamo e - ha aggiunto - saremo sempre distanti da queste logiche che non appartengono al Cisl che ha, come unica missione, la difesa del lavoro e dei lavoratori». 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 2
  • pulsar

    10 Novembre 2018 - 16:04

    ...................possa chiarire personalmente la sua posizione....................... LA FACCENDA E' MOLTO CHIARA ........................ I DUE SINDACALISTI PENSAVANO CHE LA LORO ESTORSIONE FOSSE................INSINDACABILE..................

    Rispondi

  • giuseppe36

    10 Novembre 2018 - 20:08

    Ecco come vengono difesi i lavoratori.Succede a Siracusa dove due sindacalisti per aggiustare una vertenza hanno chiesto 3mila euro agli imprenditori interessati nella vertenza. All'incontro dopo che i rappresentanti dei lavoratori hanno ricevuto l'importo richiesto dalle vittime interveniva la polizia preventivamente allerta arrestando per estorsione i sindacalisti in flagranza. Bravi.

    Rispondi

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa