Notizie locali
Pubblicità
Coronavirus, Siracusa non si fida più dell'Asp: 10.000 firme per cacciare i vertici

Siracusa

Coronavirus, Siracusa non si fida più dell'Asp: 10.000 firme per cacciare i vertici

Di Redazione

SIRACUSA - Diecimila firme, per chiedere la rimozione immediata del direttore generale dell’Asp di Siracusa, Lucio Salvatore Ficarra, e del direttore sanitario dell’Azienda Sanitaria di Siracusa, Anselmo Madeddu, sono state raccolte sulla piattaforma online change.org e inviate al presidente della Regione Nello Musumeci e all’assessore regionale alla salute Ruggero Razza. Promotore è l’ambientalista siracusano Giuseppe Patti che ha deciso di lanciare la raccolta di firme anche in seguito alla morte del direttore del Parco archeologico Calogero Rizzuto.

Pubblicità

«A Siracusa l’emergenza Covid-19 viene gestita con delle enormi lacune procedurali - si legge nella lettera di accompagnamento della petizione - Molti cittadini non si sentono tranquilli e chiedono un sistema sanitario adeguato a contrastare questa epidemia. Dalla gestione del Pronto soccorso alla gestione dei tamponi. Il virus si è propagato all’interno dell’Ospedale Umberto I contaminando anche reparti sensibilissimi come quello di oncologia. Se ci fosse stata maggior celerità nell’effettuare i tamponi probabilmente avremmo avuto a Siracusa anche qualche decesso in meno».

Nella petizione si chiede come mai «non è stata fatta alcuna ispezione nei principali ospedali dell’isola quando è nata l’emergenza, allo scopo di verificare l’adeguatezza dell’organizzazione e delle misure di sicurezza per la salute di medici, infermieri, operatori sanitari e pazienti, ma si è provveduto solo dopo che è emerso il caso drammatico di Rizzuto».

E inoltre «perché si è atteso così tanto tempo, nonostante l’emergenza, per autorizzare i laboratori di analisi utili a esaminare i tamponi».

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA