home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Sant'Agata è tra la sua gente: il giro esterno tra preghiere e fuochi d'artificio

In un Duomo gremito in ogni ordine di posti la Patrona di Catania è stata salutata con il consueto sventolio di fazzoletti bianchi al grido di "semu tutti devoti tutti"

Sant'Agata è tra la sua gente: il giro esterno tra preghiere e fuochi d'artificio

CATANIA - E’ il giorno di Sant'Agata. La Patrona di Catania è stata accolta dai suoi cittadini questa mattina in uno dei momenti più significativi delle celebrazioni in suo onore di Sant’Agata, la Messa dell’Aurora in Cattedrale. In un Duomo gremito in ogni ordine di posti la Patrona è stata salutata con il consueto sventolio di fazzoletti bianchi al grido di "semu tutti devoti tutti, evviva Sant'Agata".

Alle 5 nel presbiterio centrale della basilica Cattedrale c'è stata la recita del rosario e l'esposizione dei reliquiari di S. Agata prelevati dal sacello delle reliquie, con la partecipazione dei presbiteri, i diaconi, gli alunni del Seminario, gli alunni della Scuola “Sant’Euplio” per i ministeri e il diaconato permanente. 

Sebbene sul presbiterio era sconsigliato di fare uso dei cellulari per foto o riprese, molti devoti non hanno resistito e hanno immortalato gli spostamenti delle reliquie di S. Agata. Alle 6 è cominciata la concelebrazione della messa dell’Aurora presieduta dall’arcivescovo monsignor Salvatore Gristina, che al termine ha benedetto le corone del Rosario per la preghiera guidata dal gruppo diocesano “Amici del Rosario”.

Alle 7, in piazza Duomo dopo le riflessioni del parroco mons. Barbaro Scionti, è cominciato il giro esterno processionale della vara delle reliquie di S. Agata, preceduta dalle tredici candelore votive, da Porta Uzeda per via Beato Dusmet, con fuochi d’artificio.

Davanti all’altarino con l’icona della Madonna della Lettera e Sant’Agata di via Porticello (al Porto Saraceno dell’ “albero grosso”) addossata agli antimurali del palazzo arcivescovile, il metropolita offrirà alla santa Patrona la cera e si soffermerà a pregare i misteri gaudiosi del s. Rosario. Davanti alla chiesetta Santissimo Salvatore, filiale della parrocchia San Gaetano alla Marina, omaggio dell’Autorità Portuale e della Capitaneria di Porto.

Il giro proseguirà per altre strade della Civita: via Calì, piazza Cutelli, via V. Emanuele, piazza dei Martiri-stele di S. Agata, dove renderanno omaggio i disabili, via VI Aprile con omaggio della parrocchia dei missionari vincenziani “Santissimo Sacramento Ritrovato all'Armisi”. Prosecuzione per piazza San Giovanni XXIII, viale della Libertà.

In piazza Jolanda, riflessioni del sacerdote Carmelo Asero, vicario giudiziale e rettore del santuario S. Agata al Carcere e della confraternale San Giuseppe al Transito. Continuazione per via Umberto, con sosta davanti alla parrocchiale gesuitica Santissimo Crocifisso dei Miracoli, via Grotte Bianche e piazza Carlo Alberto alla Fiera: dinanzi al santuario diocesano “Maria Santissima Annunziata al Carmine” omaggio dei frati Carmelitani dell’Antica Osservanza e riflessioni del parroco-priore Francesco Collodoro. Prosecuzione per via San Gaetano alle Grotte (con l’omaggio della comunità dell’omonima chiesa) e piazza Stesicoro (Porta Aci) dove l’arcivescovo si rivolgerà ai fedeli per il tradizionale messaggio alla città.

La comunità cristiana catanese, nei luoghi tradizionalmente riconosciuti del martirio di S. Agata, rinnova solennemente le promesse battesimali. Salita dei Cappuccini e omaggio delle comunità agatine della Fornace e del Santo Carcere. Per via Santa Maddalena il fercolo entrerà nella primaziale S. Agata la Vetere, dove il vicario foraneo del I vicariato mons. Carmelo Smedila, rettore-parroco del santuario diocesano “Maria Santissima dell’Aiuto” presiederà la celebrazione dei primi vespri della solennità liturgica di S. Agata. Prosecuzione per via Plebiscito con sosta davanti alla parrocchia Sacro Cuore ai Cappuccini, via Vittorio Emanuele, piazza Risorgimento, via Aurora, via Palermo con sosta davanti la parrocchia Sacro Cuore al Fortino, e fuochi d’artificio); Porta e via Garibaldi, via Plebiscito omaggio parrocchie San Cristoforo e Santi Angeli Custodi, discesa Cristoforo Colombo, via Beato Dusmet, rientro per Porta Uzeda, Duomo.
Antonino Blandini

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

Qua la zampa

GOSSIP