Notizie locali
Pubblicità

Spettacoli

Euforia di Golino a Un Certain Regard

Di Redazione

CANNES, 7 MAG - Un Certain Regard, la seconda selezione del Festival di Cannes (8-19 maggio), è ormai da anni diventata il vero laboratorio del nuovo. Ad aprire il concorso quest'anno è il bielorusso Serghej Loznitsa con "Donbass", ambientato nella terra della guerra e della pace tra Ucraina e Russia. Per l'Italia occhi puntati sulla seconda opera da regista di Valeria Golino che con "Euforia" scopre la complicità maschile accompagnando due fratelli in una lenta riscoperta dell'altro e mettendo in scena l'inedita coppia Riccardo Scamarcio/Valerio Mastandrea. Tra i temi, la famiglia ("Faccia d'angelo" di Vanessa Filho, "In ginocchio ragazzi" di Antoine Desrosières, "Chuva e Cantoria") e la trasgressione ("Girl" di Lukas Dhont, "Rafiki" di Wanuri Kahiu). I generi la fanno quest'anno da padroni, con l'horror "Muori, mostro muori" dell'argentino Alejandro Favel, il thriller scandinavo "Grans" di Ali Abbasi, il noir del cinese Gan BI "Un lungo viaggio dentro la notte". Presiede la giuria Benicio Del Toro.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA