Notizie locali
Pubblicità

Spettacoli

Festa della Repubblica, concerto al Massimo Bellini di Catania: sanitari tra invitati

Di Redazione

Catania - Dall'Inno di Mameli alla Norma belliniana, vestale di un popolo oppresso; dall'eroico Tell rossiniano al fuoco risorgimentale di Verdi. E ancora spazio agli altri alfieri del melodramma italiano: Donizetti,  Puccini, Mascagni. È il percorso ideale del Concerto per la Festa della Repubblica, frutto della bella sinergia istituzionale instaurata tra la Prefettura di Catania e il Teatro Massimo Bellini per rendere omaggio al solenne anniversario. 

Pubblicità

Dopo oltre un anno di performance in streaming e in tv, il 2 giugno alle ore 18 la sala i palchi del teatro lirico catanese torneranno parzialmente a riempirsi, nel rispetto delle norme di sicurezza e  limitatamente ad un numero di ridotto di posti, per ospitare i vertici  istituzionali e accogliere una folta rappresentanza di medici e operatori sanitari, impegnati con i pazienti colpiti dal Covid. Si ricomincia così, sotto i migliori auspici, e dal 9 al 13 giugno il concerto sarà replicato con ingresso gratuito da ritirare esclusivamente al botteghino a partire dalle ore 10 di giorno 4 giugno, sancendo di fatto la riapertura del teatro all'utenza e il graduale ritorno all'auspicata normalità. Sarà possibile ritirare due biglietti a persona (info orari: www.teatromassimobellini.it).

Sceglie dunque la Festa della Repubblica, sceglie l'omaggio alla Patria, sceglie il tricolore il Teatro Massimo Bellini per ritornare ad esibirsi davanti ad un pubblico con l'Orchestra e il Coro schierati al gran completo. 

Il sontuoso programma lirico-sinfonico sarà naturalmente aperto dal "Canto degli Italiani", solo nel 2017 decretato finalmente, con legge, inno nazionale della Repubblica Italiana. Sì, perché i versi di Goffredo Mameli - musicati nel 1847 da Michele Novaro e sebbene da subito amati e popolari - con l'Unità hanno dovuto cedere il passo alla Marcia Reale e poi attendere a lungo prima di ottenere dal Parlamento repubblicano l'ufficialità di quello che era un riconoscimento "provvisorio" e  che altre proposte non erano riuscite a soppiantare. 

All'omaggio alla Nazione seguirà, altrettanto significativo, quello a Vincenzo Bellini, sommo genius loci, con la stupefacente sinfonia da Norma.

 Inizia così l'itinerario musicale impaginato dal direttore artistico Fabrizio Maria Carminati per un evento di altro spessore musicale e ideale. Sul podio lo stesso Carminati, direttore d'orchestra di prestigio internazionale; ad istruire il coro un maestro di chiara fama come Luigi Petrozziello.

 Sarà possibile apprezzare brani del grande repertorio, legati in buona parte ai fremiti della stagione risorgimentale. È il caso dei tre celeberrimi momenti verdiani: la Sinfonia dei Vespri siciliani e i cori "Va pensiero" dal Nabucco e "O Signore, dal tetto natio" da I lombardi alla prima crociata. 

 All'irredentismo inneggia anche il Guglielmo Tell di Gioachino Rossini, di cui verrà proposta la monumentale e amatissima Sinfonia. Altrettanto care, non solo agli appassionati, sono le due famose pagine di Pietro Mascagni, ovvero l'intermezzo dall'opera L'amico Fritz e l'abbagliante Inno del Sole che apre Iris. Non potevano mancare in locandina gli altri due alfieri del melodramma italiano, ovvero Gaetano Donizetti con la Sinfonia di Poliuto e Giacomo Puccini di cui verrà proposto il poco frequentato ma bellissimo Capriccio sinfonico. 

Una locandina godibilissima, dunque, un'antologia di capolavori per  ritornare a godere insieme della grande Musica,  con l'orgoglio di appartenere ad una grande Nazione, che sulla propria Arte e la propria Cultura ha costruito la sua identità. 

 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: