Notizie locali
Pubblicità

Sport

Serie C, il Catania vince ma soffre anche con l'ultima in classifica: e giù fischi

Di Giovanni Finocchiaro

CATANIA-PAGANESE 2-1

CATANIA (4-3-3) Pisseri 5,5; Calapai 5,5 (dal 36' s.t. Esposito s.v.), Aya 5,5, Silvestri 6, Baraye 5,5; Biagianti 6,5, Lodi 7, Angiulli 5,5 (dal 25' s.t. Carriero 5,5); Manneh 6,5, Curiale 5 (dal 25' s.t. Brodic 6), Marotta 5 (dal 10' s.t. Di Piazza 5,5). (Pulidori, Lovric, Marchese, Valeau, Bucolo, Rizzo, Liguori). All. Sottil. 

Pubblicità


PAGANESE (3-5-2) Santopadre 7; Piana 5,5 (dal 36' s.t. Tazza s.v.), Dellafiore 5,5, Acampora 5,5; Carotenuto 5,5 (dal 46' s.t. Nacci s.v.), Capece 7, Navas 6 (dal 36' s.t. Della Morte s.v.), Gaeta 6, Perri 6; Di Renzo 5,5 (dal 30' s.t. Cappiello s.v.), Parigi 5. (Galli, Gargiulo, Della Corte, Sapone, Gori). All. De Sanzo 5,5.

ARBITRO: Curti di Milano 5,5 (Cataldo di Bergamo, Ceccon di Lovere).

RETE: Capece (p) al 6' p.t. Biagianti © all'8' p.t. Lodi (c) al 12' s.t.

NOTE: ammoniti Capace, Brodic. Angoli 7-2. Recupero 1' e 3'.

 


 

CATANIA – Vittoria e sofferenza. Anche con la Paganese? Si, più che mai. Vanno bene i tre punti, non certo l'atteggiamento timoroso e in affanno di un Catania che era superiore all'ultima della classe, ma comincia in apnea subendo il gol di Capece. Il pubblico non ci crede e protesta, alla fine fischia la squadra per un 2-1 figlio dello stato attuale dei rossazzurri.

Il Catania va sotto dopo 6 minuti. Punizione dal limite di Capace, Pisseri viene sorpreso sul proprio palo e il Massimino sgrana gli occhi. I tifosi della Nord entrano a partita iniziata, prima si sistemano vicino le vetrate, poi prendono posto e chiedono alla proprietà ancora una volta di vendere. Il Catania pareggia dopo due minuti grazie a un rasoterra di Biagianti, scoccato dalla distanza.

Sull'1-1 la Paganese si chiude in difesa e butta la chiave, il Catania avanza ma non riesce a raddoppiare. Marotta e Curiale non agganciano, al centro dell'area piccola, i traversoni di Manneh e qualche cross di Baraye.

Nella ripresa il 2-1 di Lodi, tiro angolatissimo da fuori area, una realizzazione spettacolare che non accende il pubblico, in aperta contestazione con club e giocatori. Curiale fallisce il 3-1 davanti alla porta, tirando di controbalzo, ma trovando la deviazione in angolo di Santopadre. Entra Di Piazza per un evanescente Marotta e fallisce anche lui il 3-1. Si va stancamente fino al sipario senza gioie.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA