Notizie locali
Pubblicità
Cessione Calcio Catania, si avvicina il momento del closing: l'avvocato di Tacopina in città

Sport

Cessione Calcio Catania, si avvicina il momento del closing: l'avvocato di Tacopina in città

Di Giovanni Tomasello

TORRE DEL GRIFO -  Dopo Tacopina anche il suo commercialista di fiducia e braccio destro, il dott. Dante Scibilia, ha ieri lasciato il Village per tornare a Venezia. Poche parole prima di partire e comunque nulla di nuovo rispetto a quanto già dichiarato dall’avvocato italo americano.

Pubblicità

Il possibile cambio di proprietà del Catania passa nelle mani degli avvocati che domani torneranno a confrontarsi per negoziare sul contratto d’acquisto proposto dallo stesso Tacopina.

Proprio stasera arriverà a Catania il legale dell’ex presidente del Venezia, Salvo Arena, catanese purosangue ma che ormai da anni vive in America: il noto professionista che è tra i più quotati avvocati di New York incontrerà domani mattina Gaetano Nicolosi, maggiore azionista della Sigi e l’avv. Giuseppe Augello.

Ovviamente si comincerà a discutere sui dettagli dell’operazione tenendo fra l’altro presente che nel contratto lungo 44 pagine sono state poste precise condizioni e clausole. Resta inoltre da stabilire quanti soci della Sigi vorranno far parte del progetto di rilancio elaborato dall’avvocato statunitense, chi resterà e chi no. Al riguardo lunedì sera si è svolta una riunione tra gli altri componenti della Sigi.

La trattativa insomma continua e non è ancora sicuro che si possa arrivare alla firma del contratto entro questa settimana. Da esaminare soprattutto la riduzione del debito societario con cifre ancora non ufficializzate e bisognerà pure tenere conto della decisioni dei soci della Sigi.

Nel frattempo ieri lo stesso Nicolosi ha ricevuto a Torre del Grifo la visita di Eugenio Grimaldi: «Gaetano - a parlare è proprio l’armatore - è un imprenditore illuminato e innamorato della squadra della sua città, ha una visione coraggiosa e ad ampio raggio. A dispetto del contesto economico e delle difficoltà aggiuntive causate dalla pandemia, ha trovato la forza d’investire, guidando la Sigi al salvataggio di una società gloriosa. Il Catania ha potenzialità internazionali straordinarie, rispetto alle quali sarò di supporto: è un grande club e deve tornare in alto. Torre del Grifo è impressionante: è un centro d'élite, mi ricorda il Real Club de Polo de Barcelona. Amo lo sport e amo la Sicilia, in questa terra ho raccolto enormi soddisfazioni professionali e proprio su impulso di Gaetano e della Nicolosi Trasporti sto investendo molto in particolare sulla città di Catania, con il potenziamento della flotta impegnata sulla rotta Salerno-Catania. La nostra è una strategia di sviluppo eco-compatibile, sono molto sensibile al tema delle emissioni e mi piace sottolineare l'importanza dell'alimentazione elettrica delle nostre navi una volta giunte in porto, ciò che consente di rispettare le città di approdo e l'ecosistema proprio della destinazione. Inoltre, il potenziamento della rete che disegna la nostra autostrada del mare consente di abbattere i costi di trasporto delle merci e così incide positivamente sulle possibilità di competitività dei prodotti siciliani e sull'approvigionamento da parte degli operatori commerciali isolani. E così anche, i consumatori possono realizzare un risparmio significativo».


Gaetano Nicolosi ha subito ringraziato l’amico di sempre: «le sue sono davvero belle parole ed è un vero attestato di stima, l'apprezzamento da parte di un armatore e imprenditore del suo calibro è motivo d'orgoglio per me e per la Sigi. Il Catania è un formidabile moltiplicatore di entusiasmo e i nostri sponsor, prestigiosi e lungimiranti, meritano le migliori attenzioni. Lo sviluppo di progetti comuni è la ciliegina sulla torta della sponsorizzazione, che deve rappresentare l'inizio di una proficua collaborazione». Un Catania insomma nel cuore di tanti imprenditori e professionisti, ora però è l’ora di mettere tutto nero su bianco.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA