Notizie locali
Pubblicità
Serie C, Girone C: Palermo ancora in difficoltà, il Catania rimonta il Monopoli

Sport

Serie C, Girone C: Palermo ancora in difficoltà, il Catania rimonta il Monopoli

Di Leonardo Zermo

Il primo match della 21ª giornata tra Potenza e Palermo termina senza nessun gol. I rosanero, che non vincono da tre partite, rischiano di uscire dalla zona playoff, i potentini invece si avvicinano al quindicesimo posto, che rappresenta la zona tranquilla della classifica.

Pubblicità


Allo Stadio Libero Liberati di Terni, l’inarrestabile Ternana di Lucarelli non sbaglia nel testa-coda contro la Paganese: un bel gol di Partipilo e un penalty di Falletti lanciano i padroni di casa  nel primo tempo. Nella ripresa una perla di Cesaretti, appena entrato, riaccende le speranze per gli ospiti. Poco più tardi, però, una sfortunata autorete di Antezza, viziata da un colpo di testa di Raicevic, richiude i conti e fissa il risultato sul 3-1 finale.


Tra le mura amiche dello Stadio Giovanni Paolo II, la Virtus Francavilla vince un’importante sfida contro la Turris, rilanciandosi verso la zona playoff. Nel finale della prima metà un rigore di Federico Vazquez e subito dopo uno splendido gol di Ciccone spianano la strada ai padroni di casa. Nella seconda metà Fabio Longo riapre il match, ma invano, poiché nel finale un bel pallonetto di Zenuni sancisce il 3-1 definitivo. 


Dopo nove partite senza vittoria il Teramo torna incredibilmente ad assaporare i tre punti contro il Bari. Allo Stadio Gaetano Bonolis i galletti passano in vantaggio con un bel tocco sotto di Antenucci al 24’, ma nel secondo tempo accade l’imponderabile: al 54’ Lewandowski tiene in vita i padroni di casa parando un rigore a Marras, poi l’arbitro assegna due penalty nel giro di due minuti al Teramo. Il primo per un fallo di mano, parato da Frattali ad Arrigoni, e il secondo per fallo di Semenzato (ammonito e poi espulso per proteste), anch’esso parato da Frattali, ma a Bombagi, che poi si avventa sulla ribattuta e pareggia i conti. Poco più tardi uno scatenato Bombagi segna una splendida rete e completa la rimonta per i suoi. Nonostante la sconfitta, il Bari rimane in seconda posizione.


Anche il Foggia torna a vincere contro la Casertana: è decisiva una rete di Filippo D’Andrea al 16’. Nei minuti di recupero viene espulso Buschiazzo per un fallo a palla lontana. I pugliesi rimangono agganciati al Teramo in zona playoff, mentre la Casertana per il momento ne rimane fuori.


Allo Stadio Romeo Menti di Castellammare, dopo tre sconfitte consecutive la Juve Stabia batte la Vibonese, conservando un posizionamento tra le prime dieci della classifica. Alla mezz’ora Berardocco sblocca la sfida dagli undici metri e poco dopo Gennaro Borrelli mette in ghiaccio il risultato con un bel tiro all’angolino.


Fatica a sbloccarla, ma l’Avellino vince con un perentorio 3-0 sulla Viterbese. All’inizio della seconda metà D’Angelo prende l’ascensore e fa 1-0, al 64’ Fella raddoppia con un colpo da biliardo e nel finale il subentrato Santaniello mette il punto esclamativo. I campani, così, accorciano sul Bari al secondo posto.


Il Catania vince ancora allo Stadio Angelo Massimino contro il Monopoli, ma non senza problemi. Al 19’ infatti gli ospiti mettono la testa avanti con la seconda rete consecutiva del neoacquisto Bunino. Prima di rientrare negli spogliatoi, però, i rossazzurri pareggiano con il gol di testa di Di Piazza, ritornato pochi giorni fa alle falde dell’Etna. Nella ripresa Dall’Oglio, appena subentrato a Manneh, porta avanti la formazione di Raffaele. Al 79’ Reginaldo risolve una mischia e firma il 3-1 . In questo modo gli etnei superano il Catanzaro (che ha pareggiato in settimana nel recupero contro la Viterbese), piazzandosi in quarta posizione. 


Nello scontro diretto tra i bassifondi della classifica, la Cavese batte il Bisceglie, tornando a ottenere tre punti dopo dodici partite (l’ultima volta proprio contro i pugliesi) e a vincere in casa dopo undici mesi. Nei primi 45’ Cittadino risponde dal dischetto al vantaggio dei padroni di casa, siglato da Bubas - anch’egli dagli undici metri -. Nei secondi 45’, però, Bubas segna ancora e porta avanti i suoi, che dopo poco mettono in ghiaccio il risultato con la prima rete tra i professionisti di Montaperto. Così i blufoncé abbandonano l’ultimo posto in classifica, rimanendo però in piena zona playout insieme al Bisceglie.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA