Notizie locali
Pubblicità

Sport

Diego Maradona Junior per rincorrere il titolo italiano di beach soccer

”Felice di giocare col DomusBet Catania. Possiamo vincere”
Di Nunzio Currenti

Il giorno della verità. Diego Maradona junior è pronto a giocarsi con la maglia della DomusBet Catania le chances per riportare il tricolore di beach soccer in Sicilia a distanza di sette anni dal primo e unico successo tricolore della società di Bosco. Domani a Lignano Sabbiadoro i rossazzurri affronteranno, alle 18.15, nei quarti di finale della poule scudetto l'Anxur Trenza. “Normale – spiega – puntiamo a vincere. Il nostro unico obiettivo è proprio quello. Non vogliamo piazzamenti d'onore, ma siamo consapevoli che non sarà facile perché la concorrenza è molto forte”. Diego ha ormai instaurato un rapporto con Catania molto forte: “Questa città mi ricorderà sempre il primo gol in Primavera segnato con la maglia del Napoli. Oggi, invece, l'esperienza splendida vissuta con questa società e con i miei compagni. Sono felice della scelta fatta. Dobbiamo ora insistere per arrivare sino alla fine”. Il gruppo in questi mesi ha fatto la differenza. “Qualità e quantità sul piano umano e tecnico. Siamo davvero speciali. Noi abbiamo una rosa forte, anche se non ci siamo allenati sempre insieme per i concomitanti impegni. Noi possiamo fare molto come squadra se remiamo dalla stessa parte. I singoli non vanno da nessuna parte”. L'Anxur è la prima avversaria: “Squadra forte. Ha battuto Terracina e Milano. Noi dobbiamo giocare partita dopo partita. O esci o vinci lo scudetto”. Nell'ultimo giorno catanese, prima della partenza, Maradona junior ha visitato il Centro Sportivo di Torre del Grifo: “E' stato bello, abbiamo ricevuto un'accoglienza straordinaria dal Catania. Ho visitato un centro che per me è fuori dall'ordinario. Il fiore all'occhiello dell'impiantistica sportiva. Mi ha fatto piacere ritrovare Lodi, Manitta e, soprattutto, Vito Tammaro, allenatore in seconda dei rossazzurri, ma il mio primo tecnico nella scuola calcio. Che emozione”. Dopo la finale lascerà Catania. Da martedì è atteso per il primo allenamento con il Savoia: “Stabilirmi a Catania? Mai dire mai. Intanto comincio la mia nuova esperienza”.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA