Notizie locali
Pubblicità
Coronavirus, Google e Apple lavorano insieme per la app anti contagio

Tech

Coronavirus, Google e Apple lavorano insieme per la app anti contagio

Di Redazione

ROMA Google e Apple collaborano per un progetto di tracciamento del contagio del coronavirus che può aiutare i governi. Lo annunciano in un comunicato congiunto. A maggio renderanno disponibili strumenti (Api) per gli sviluppatori che stanno progettando le app per le istituzioni mondiali e che consentiranno il dialogo e «l'interoperabilità tra i dispositivi Android e iOS». Mentre «nei prossimi mesi» renderanno disponibile una piattaforma di contact tracing basata sul Bluetooth dando «massima importanza a privacy, trasparenza e consenso» degli utenti.

Pubblicità

«Siamo convinti che non ci sia mai stato un momento più importante per lavorare insieme nel cercare di risolvere un problema di portata globale - spiegano Google e Apple - Attraverso una stretta cooperazione e collaborazione con sviluppatori, governi e organizzazioni sanitarie pubbliche, ci auguriamo che la tecnologia possa aiutare i paesi di tutto il mondo a rallentare la diffusione di Covid-19 e ad accelerare il ritorno alla nostra vita quotidiana. Pubblicheremo apertamente informazioni sul nostro lavoro affinché altri possano analizzarle».

Con le Api, interfacce di programmazione delle applicazioni, Google e Apple non progetteranno direttamente app per il tracciamento ma aiuteranno quelle messe in campo da sviluppatori e società di tutto il mondo a far parlare tra di loro i due diversi sistemi operativi delle aziende (Android di Google e iOS di Apple). Mentre la «più ampia piattaforma basata sulla tecnologia Bluetooth, è una soluzione più solida rispetto alle Api e consentirebbe la partecipazione di un numero maggiore di persone, su base volontaria, oltre a permettere l’interazione con un insieme più ampio di app e autorità sanitarie governative. La privacy, la trasparenza e il consenso hanno massima importanza in questo progetto e costruiremo questa funzionalità consultandoci con le diverse parti interessate».

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA