Notizie locali
Pubblicità
Soluzioni tech low cost per città “intelligenti”

Tech

Soluzioni tech low cost per città “intelligenti”

Di Gianluca Reale

Parcheggi, illuminazione, cassonetti per rifiuti urbani, trasporto pubblico, contatori energetici intelligenti, monitoraggio infrastrutture, servizi ai cittadini. Gli ambiti in cui è possibile applicare le tecnologie della “smart city” sono ormai tantissimi e ci sono soluzioni low cost di facile implemetazione. «Senza guardare troppo al futuro – spiega Filippo Colaianni, Technical Marketing Manager IoT, di STMicroelectronics - ci sono ormai delle tecnologie che consentono di avere una illuminazione pubblica intelligente, ne migliorano l’efficienza e ne abbassano i consumi energetici. Grazie ai led driver e alla tecnologia del carburo di silicio prodotti da ST, ad esempio, le lampade a led possono avere una maggiore efficienza e consentono un risparmio energetico non indifferente. A questo si può applicare l’uso di sensori e connettività per prevenire i guasti o ricevere segnali di allarme che indicano la necessità di sostituire la lampada». Su questa frontiera, aggiunge Colaianni, «c’è anche l’idea di introdurre sui pali dell’illuminazione una serie di sensori MEMS: dall’inclinometro che ci indica se il palo si inclina e diventa pericoloso, all'uso di array di microfoni che permettono di monitorare i rumori ambientali e capire se c’è stato un incidente, uno sparo, se qualcuno è stato aggredito o semplicemente chiede aiuto, capendo in tempo reale se sta succedendo qualcosa e avvertire le forze dell’ordine, anche senza bisogno di avere delle telecamere. Una sperimentazione pilota di questo tipo è in corso a Torino e a Brescia».

Pubblicità

Un altro fronte della smart city è quello dei parcheggi intelligenti. «Aziende campane – aggiunge Colaianni - hanno utilizzato i magnetometri, microntrollori e prodotti di connettivita di St in diversi parcheggi intelligenti a Napoli e Caserta: i magnetometri misurano la variazione del campo magnetico quando il posto auto è vuoto o è pieno e, collegati a sistemi Bluetooth o tecnologia LoRa, possono consentire di autorizzare il parcheggio o verificare se chi ha parcheggiato ne ha diritto. Utile anche per i posti riservati a disabili o per lo scarico e carico merci». Sensoristica e connettività possono essere utili anche sui cassonetti della spazzatura, chissà un giorno anche sui sacchetti della raccolta differenziata, per avvertire quando il cassonetto è pieno e va svuotato.

L’arrivo della rete 5G offrirà ulteriori opportunità, visto che la latenza, la capacità e la velocità di trasmissione dei dati sarà molto maggiore rispetto alle reti attuali, sino a 1Gb/s e la latenza di pochi millisecondi. Gli impieghi per la sicurezza, per esempio, potranno essere molto avvantaggiati, visto che lo streaming di immagini e dati potrà essere usato in tempo reale per prevenire disordini, attentati o aggressioni, o per il monitoraggio degli ambienti anche con l’uso dell’intelligenza artificiale. Il trasporto pubblico, ad esempio, potrebbe avvantaggiarsi molto della velocità di trasmissione dati, sincronizzando mezzi con semafori e info sul traffico.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA