home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

ROMA

Pm, Raggi mentì per evitare dimissioni

"In codice M5S 2016 dimissioni anche in caso apertura inchiesta"

Pm, Raggi mentì per evitare dimissioni

ROMA, 09 NOV - Secondo la Procura di Roma la sindaca Virginia Raggi "mentì alla responsabile dell'Anticorruzione del Campidoglio nel dicembre del 2016" perché se avesse detto che la nomina di Renato Marra era stata gestita dal fratello Raffaele, sarebbe incorsa in un'inchiesta e "in base al codice etico allora vigente negli M5S, avrebbe dovuto dimettersi". Così in aula il procuratore aggiunto Paolo Ielo. Ielo ha chiesto al giudice l'acquisizione del codice etico M5S vigente nel 2016 che prevedeva in caso di indagine penale a carico di un 'portavoce' la sua ineleggibilità o, se già eletto, le dimissioni. "Se la sindaca avesse detto la verità e riconosciuto il ruolo di Raffaele Marra nella scelta del fratello - ha spiegato - l'apertura di un procedimento penale a suo carico sarebbe stata assai probabile. Lei era consapevole che in casi di iscrizione a modello 21 (ovvero come indagata in un fascicolo penale, ndr) rischiava il posto è per questo mentì. Il codice etico fu modificato nel gennaio del 2017".

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa