home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Test con nanotecnologie, per la prima volta in Italia, su relitto nave romana

Era stata trovata nel 1999 nei bassi fondali della costa tra Marsala e Trapani

Test con nanotecnologie, per la prima volta in Italia, su relitto nave romana

MARSALA (TRAPANI) - Le nanotecnologie, utili a preservare e conservare antichi legni, saranno applicate, per la prima volta in Italia, sul relitto della nave oneraria tardo-romana trovata nel 1999 nei bassi fondali di fronte la costa di Marausa, al confine tra i Comuni di Marsala e Trapani. Recuperata nel 2008, con le numerose anfore africane cilindriche che aveva a bordo, la nave, risalente al III secolo dopo Cristo, è al Museo archeologico regionale «Lilybeo» di Baglio Anselmi, a Marsala, dove è esposta al pubblico dal 18 dicembre 2015.


E martedì prossimo parte del fasciame ligneo riportato alla luce sarà sottoposto ad alcuni test, effettuati per la prima volta in Italia, con l’ausilio di nanotecnologie. Questo primo trattamento sarà messo a punto dall’azienda milanese «4ward360" sotto la supervisione di alcuni esperti qualificati del GruppoArte16. E cioè il professore, nonché restauratore, Franco Fazzio, laureato all’Iscr, l’ingegnere Renzo Botindari e il coordinatore Giovanni Taormina. Saranno presenti anche l'assessore regionale ai Beni culturali Sebastiano Tusa e il sindaco di Marsala Alberto Di Girolamo.


«Le assi in legno che si trovano a Marsala - viene spiegato in una nota - saranno soggette ad interventi sperimentali al fine di garantirne la conservazione e durabilità nel tempo, preservandoli dal calore, dall’umidità e da eventuali attacchi da parte di eventuali insetti xilofagi o altro genere». «Per la prima volta - aggiunge l’assessore regionale Sebastiano Tusa - le nanotecnologie verranno applicate per l’ottimizzazione e la conservazione di un relitto in esposizione museale recuperato in fondali marini e depurato da tutti i depositi che la permanenza in acqua salmastra ha apportato alle assi di legno che compongono l’intera struttura navale».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa