home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Strage Pizzolungo, rubato a scuola busto in ricordo delle vittime

Il mezzobusto in bronzo era stato posto in un istituto scolastico, alla periferia di Trapani, in omaggio a Giuseppe e Salvatore Asta, i due gemellini di 6 anni morti insieme alla mamma per l'esplosione di un'autobomba destinata al giudice Carlo Palermo

Strage Pizzolungo, rubato a scuola busto in ricordo delle vittime

TRAPANI - E’ stato rubato il mezzobusto in bronzo e danneggiata la stele che ricordano la morte dei gemellini Giuseppe e Salvatore Asta, morti, assieme alla madre Barbara Rizzo, il 2 aprile 1985 a Pizzolungo, nell’attentato mafioso contro il sostituto procuratore Carlo Palermo (rimasto illeso). I vandali nella notte sono entrati in azione nel cortile della scuola dell’infanzia di Trapani intitolata ai gemellini. Il sottosegretario alla presidenza del consiglio dei ministri Vincenzo Santangelo dice: «Si tratta di un atto vile e gravissimo che ci lascia esterrefatti. Il busto ha un valore simbolico fortissimo e il suo furto scuote tutta la nostra città. Non riusciamo a capire come mai il busto in bronzo sia stato lasciato nell’incuria visto che, giorni addietro, era già stato rimosso dalla colonna e lasciato a terra da altri vandali o dagli stessi esseri meschini che ieri notte hanno completato l'opera».

«Sono molto amareggiata e dispiaciuta perché forse il busto raffigurante i miei cari poteva esser messo in sicurezza visto che era stato lasciato a terra da alcuni ladri-vandali. Questo atto ci deve fare riflettere sul grado di disperazione della gente, perché se si arriva a rubare una statua che raffigura delle vittime innocenti di mafia vuol dire che la gente è veramente disperata, non sa come tirare avanti..».

Lo scrive Margherita Asta, figlia di Barbara Rizzo e sorella dei gemellini uccisi. «Faccio un appello - scrive Margherita Asta su Fb - restituite questa statua per quello che rappresenta. Restituitela per favore, era stata donata da mio padre per mantenere viva la memoria della mia mamma e dei miei fratelli». 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa