Notizie locali
Pubblicità

Trapani

Mazzette su eolico, Nicastri patteggia 2 anni e 10 mesi

Di Redazione

PALERMO - Il «re dell’eolico», l'imprenditore Vito Nicastri, già condannato per concorso in associazione mafiosa, e ritenuto uno dei finanziatori della latitanza del capomafia Matteo Messina Denaro, ha patteggiato una condanna a due anni e 10 mesi per corruzione e intestazione fittizia di beni davanti al tribunale di Palermo. I giudici gli hanno riconosciuto la circostanza attenuante della collaborazione con la giustizia. Il figlio Manlio, che risponde degli stessi reati, ha invece patteggiato una condanna a due anni.

Pubblicità


Nicastri, tornato in cella mesi fa nell’ambito di una inchiesta su un giro di mazzette alla Regione siciliana che ha coinvolto anche il faccendiere Paolo Arata, aveva provato a patteggiare davanti al gup la pena di 2 anni e nove mesi. La Procura aveva espresso parere favorevole, ma il gup, ritenendo le accuse a suo carico di «massima gravità», aveva ritenuto la pena non congrua e rigettato l’istanza.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA