Notizie locali
Pubblicità
Fermi clan Messina Denaro, Nicolò Pidone personaggio chiave dell'inchiesta

Trapani

Fermi clan Messina Denaro, Nicolò Pidone personaggio chiave dell'inchiesta

Di Redazione

PALERMO - E’ Nicolò Pidone, già condannato per associazione mafiosa, il personaggio chiave dell’inchiesta della Dda di Palermo che oggi ha portato al fermo di 13 tra fedelissimi del boss Matteo Messina Denaro, insospettabili manager pubblici e imprenditori, e all’iscrizione nel registro degli indagati di 20 persone tra le quali il sindaco di Calatafimi Segesta (Trapani).
Pidone, ritenuto a capo della cosca di Calatafimi, organizzava summit di mafia in una dependance fatiscente vicina alla sua masseria; lì venivano assunte le principali decisioni che riguardavano il clan, secondo gli investigatori. Tra gli indagati anche altri condannati per mafia come Rosario Leo, pregiudicato che vive a Marsala, e cugino di Stefano Leo, molto vicino al boss di Mazara del Vallo Vito Gondola, poi morto, e a Sergio Giglio, coinvolto nell’inchiesta sui favoreggiatori del capomafia Matteo Messina Denaro. Nelle indagini sono finiti però anche insospettabili che, a vario titolo, hanno favorito le comunicazioni tra il capo della famiglia calatafimese, specie nel periodo in cui era sottoposto alla sorveglianza speciale, ed altri mafiosi, tra cui lo stesso Rosario Leo, anch'egli sorvegliato speciale. Tra coloro che favorivano gli incontri e le comunicazioni c'era il 46enne imprenditore agricolo vitese Domenico Simone, hanno ricostruito le indagini. Fermati anche l’imprenditore Leonardo Urso, di origini marsalesi, enologo, accusato di favoreggiamento, e l'imprenditore agricolo Andrea Ingraldo, di origini agrigentine, accusato di concorso esterno in associazione mafiosa, per aver assunto fittiziamente Pidone per far figurare l’esistenza di una regolare posizione lavorativa e attenuare la misura di sicurezza. 

Pubblicità

Il clan controllava il territorio attraverso l’esecuzione di "inchieste" per ricostruire episodi criminosi avvenuti in zona e non «autorizzati» e interveniva con atti intimidatori nei confronti di chi collaborava con la giustizia, secondo gli inquirenti. In quest’ultimo ambito si inquadra l’incendio dell’auto dell’imprenditore Antonino Caprarotta, voluto da Pidone e realizzato insieme a Giuseppe Aceste e Antonino e Giuseppe Fanara. Caprarotta aveva denunciato l'imprenditore mafioso Francesco Isca ed altri soggetti implicati nella vicenda della gestione illecita dei parcheggi del parco archeologico di Calatafimi-Segesta.
Tra i fermati anche Giuseppe Gennaro, altro esponente della famiglia mafiosa di Calatafimi, accusato, oltre che di associazione mafiosa, anche di aver rubato un trattore agricolo, nell’interesse del clan insieme a Francesco Domingo, Sebastiano Stabile e Salvatore Mercadante. In cella anche il trentasettenne calatafimese Ludovico Chiapponello, indagato per aver favorito l’associazione mafiosa bonificando dalle microspie la depandance di Pidone. Indagato infine un appartenente alla Polizia Penitenziaria, a cui è contestato il reato di rivelazione di segreto d’ufficio commesso per agevolare Cosa Nostra. Dall’inchiesta è emerso che il clan aveva la disponibilità di armi. Il fermo è motivato dall’intenzione di alcuni indagati di darsi alla latitanza e al progetto di pesanti ritorsioni verso uno dei mafiosi che sarebbe entrato in conflitto col capo della famiglia di Calatafimi. 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA