Notizie Locali


SEZIONI
Catania 32°

NEWSLETTER

Nel primo giorno del Super Green Pass gli italiani sono andati al lavoro e gli studenti a scuola

Di Redazione |

Nel primo giorno del Super Green Pass gli italiani sono andati al lavoro e gli studenti a scuola; i turisti hanno preso possesso dei centri storici, i bar e i ristoranti hanno accolto i cittadini alla solita maniera: chi ha chiesto il certificato nei giorni scorsi lo ha fatto anche ieri, chi ha violato le regole prima ha continuato a farlo. Insomma il certificato verde rafforzato non ha creato scossoni, nemmeno nel trasporto locale dove pure qualche incomprensione c’è stata. In Sicilia i controlli a campione su autobus delle linee urbane e tram, negozi ed esercizi commerciali si sono svolti senza intoppi. Il divieto di accesso, senza la “carta verde”, è scattato anche per i traghetti dello Stretto di Messina. Si è registrato un nuovo record di Green Pass scaricati, 1.3 milioni tra quelli “base” e “rafforzati”. A spingere i download sono soprattutto le vaccinazioni. Intanto il ministero della salute chiarisce che nei soggetti vaccinati prima o dopo un’infezione è indicata la somministrazione di una dose di richiamo, purché sia trascorso un intervallo minimo di almeno cinque mesi.


Il presidente della Sampdoria, Massimo Ferrero, è stato arrestato dalla Guardia di Finanza nell’ambito di un inchiesta per reati societari e bancarotta.  Quattro società, tutte dichiarate fallite tra il 2017 e il 2020. E' questo l’oggetto dell’indagine dei magistrati della Procura di Paola che ha portato all’arresto anche della figlia Vanessa Ferrero, del nipote Giorgio e di altre tre persone, di cui due manager. Sotto la lente degli inquirenti le sorti di Ellemme Spa, Blu Cinematografica Srl, Blu Line Sirl e Maestrale Srl. La Sampdoria non è coinvolta nelle indagini ma Ferrero si è dimesso dalla presidenza.


Naufraga ancora prima di vedere la luce l’idea di creare tramite la partecipata regionale degli autobus, Ast spa, una compagnia aerea siciliana. Eppure il progetto era più che avviato. C’era pure il nome: “LeAli di Sicilia”, giocando sul doppio senso lealtà-volo. E un logo con i colori della Trinacria, rosso e giallo, miscelati al blu (che ricorda l’esterno degli storici autobus) nel modellino di aeromobile studiato da uno staff di creativi. Oltre alle suggestioni iconografiche, però, c’era anche un po’ di sostanza. Partendo dal presupposto che, nella ragione sociale della società regionale, c’è anche il trasporto aereo. Tant’è che l’Azienda Siciliana Trasporti gestisce già l’aeroporto di Lampedusa attraverso la controllata Ast Aeroservizi.


Comincia la settimana del derby. Catania-Palermo, anche in C, resta un evento che vale una stagione. Quella del Catania è sempre a rischio, tra penalizzazioni da aggiungere e riunioni societarie in vista dell'udienza prefallimentare del 21. Ma c'è una partita che non è routine e mai lo è stata. Domenica prossima allo stadio Massimino non ci saranno certo le 20 mila persone dei tempi d’oro, ma ovviamente le presenze saranno più dei 3 mila tifosi che si sono visti contro il Potenza.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA