Notizie Locali


SEZIONI
Catania 31°

Agricoltura

La protesta di agricoltori e allevatori ragusani a Palermo, Dipasquale: «Piccole aziende schiacciate dalle spese»

Alla manifestazioni si sono uniti anche alcuni sindaci del comprensorio ragusano

Di Redazione |

Manifestazione degli agricoltori e degli allevatori della provincia di Ragusa oggi a Palermo. Con loro sono scesi in piazza anche i sindaci di Vittoria, Monterosso Almo e Chiaramente Golfi, oltre al deputato ragusano del Pd all’Ars Nello Dipasquale. “Assistiamo a un fenomeno che sta strozzando i settori agricolo e zootecnico di Sicilia – dice Dipasquale -. La Sicilia sta scivolando inesorabilmente verso un ritorno al latifondo, cosa che dobbiamo assolutamente fermare. Le piccole aziende non riescono ad andare avanti, schiacciate dalle spese e dagli scarsi guadagni, e vengono così acquistate dai colossi del settore. Una crisi gravissima che impoverisce i piccoli e medi imprenditori costretti a cedere il passo”.

Una tendenza che, secondo il deputato regionale del Pd, “vede complici i governi regionale e nazionale, i quali favoriscono i bandi del settore agricolo a vantaggio dei più forti e non delle piccole e medie imprese”. “I governi Meloni e Schifani – aggiunge – mettano in campo azioni concrete di sostegno al settore come l’adeguamento dei prezzi di vendita dei prodotti in proporzione all’aumento dei costi di produzione, la dichiarazione dello stato di crisi del comparto, l’aumento dei controlli e l’adeguamento dei parametri di qualità e del regime sanzionatorio sulle merci importate”.

Secondo Dipasquale, inoltre, servono “interventi per contrastare la diffusione di malattie virali negli allevamenti” e una “rivisitazione dei criteri di distribuzione degli aiuti comunitari che arrivano alle aziende con il Psr”. La richiesta è quella di “attenzionare prioritariamente i piccoli produttori anziché le grandi aziende”. Tra le richieste, infine, anche quella di una “immissione di liquidità per le aziende agricole e zootecniche riconoscendo loro quote adeguate come ristori per i sempre più frequenti eventi calamitosi”.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA