Notizie locali
Pubblicità

Palermo

Cigl Sicilia, Gaetano Agliozzo riconfermato segretario generale Fp

«Ripartiremo con vigore, lavoreremo con determinazione

Di Redazione

Gaetano Agliozzo è stato riconfermato segretario della Funzione pubblica Cgil Sicilia. E' stato riletto al termine della due giorni del congresso del sindacato a Palermo. «Sono contento per la rinnovata fiducia accordatami dal gruppo dirigente siciliano - ha detto Agliozzo - a cui va il sentito ringraziamento per il consenso unanime espresso nei miei confronti». Nella sua relazione, Agliozzo ha posto l’attenzione in particolare «sul rinnovo di tutti i contratti del pubblico impiego, sul nuovo sistema di riclassificazione del personale e sulla costante azione portata avanti nel comparto sanitario che ha permesso di accendere costantemente i riflettori sulle criticità». «Ripartiremo con vigore, lavoreremo con determinazione - ha sottolineato - affinché si arrivi alla riforma del servizio sanitario regionale, proponendo anche la medicina territoriale, alla stabilizzazione dei precari nei Comuni e al rinnovo dei contratti dei dipendenti regionali, oltre ad affrontare la vicenda relativa alla riforma delle Province regionali e a capire meglio come potere risolvere le questioni legate alle difficoltà dei Comuni siciliani, molti dei quali alle prese con il dissesto finanziario». Durante i lavori, la Fp Cgil ha illustrato l’esito di un report nazionale sul fabbisogno del personale nelle pubbliche amministrazioni. I numeri, consegnati dalla segretaria nazionale Barbara Francavilla, sono risultati piuttosto preoccupanti.

Pubblicità

Non è da meno quello della Sicilia che, tenendo conto di una proiezione temporale riferita al 2030, presenta allarmanti criticità. Con un centinaio di pensionamenti nel mirino, si prevede una carenza complessiva di quasi 600 Ispettori del Lavoro. Per quanto riguarda i settori educativi, si registra una carenza di organico di 2.459 unità a cui si sommeranno 455 operatori che andranno in pensione nel giro di 7 anni. Nel campo sanitario, la medicina generale oggi segna un meno 641 posti a cui si aggiungerà un vuoto di 1.175 medici che lasceranno per raggiunti limiti di età. Infine gli infermieri, 4.518 andranno pensione mentre 11.340 sono gli attuali posti vacanti. 
 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: