Notizie locali
Pubblicità

Palermo

Mattarella, a Palermo dal sindaco al pasticcere tutti felici per la riconferma

I concittadini del Capo dello Stato, rieletto ieri, esprimono soddisfazione e sperano di poterlo rivedere presto 

Di Redazione

La rielezione di Sergio Mattarella viene salutata con gioia a Palermo, la città del presidente della Repubblica. Tantissimi palermitani hanno continuato infatti in questi giorni a fare il tifo per il capo dello Stato. A cominciare dal sindaco Leoluca Orlando, che subito dopo l'esito della votazione ha inviato un messaggio di felicitazioni al presidente «a nome di tutta la città». Del resto nonostante gli scatoloni, il trasloco dei mobili dalla sua casa palermitana a quella presa in affitto a Roma e le dichiarazioni, i palermitani non hanno mai smesso di sperare nella riconferma. 

Pubblicità

I familiari del presidente rimasti a Palermo hanno seguito il voto in Parlamento davanti alla televisione. Nessun commento se non «prendere atto dell’ulteriore sforzo che il Presidente dovrà sostenere con spirito di servizio nell’interesse del paese», fanno sapere in modo impersonale aggiungendo: «E' di nuovo tempo di impegno e di responsabilità». In tanti sperano di rivedere il presidente in città. Nonostante il trasloco, una parte della vita resta nel capoluogo siciliano. Ne è certo il portiere dello stabile di via Libertà dove vive Sergio Mattarella quando trascorre qualche giorno a Palermo. «Cordiale ed estremamente gentile, con lui è sempre piacevole scambiare due parole - dice - anche solo per il tempo dell’attesa dell’ascensore». Anche i condomini sono felici per la riconferma. Sergio Aquila, che abita nello stesso condominio del Capo dello Stato, dice al Giornale di Sicilia: «Sono felice per lui e per noi, ma l'incompetenza della nostra classe politica è sotto gli occhi di tutti». 

Chi spera di poterlo incontrare anche per una lezione sulla Costituzione nella sua scuola è Emilia Saccomando, la piccola fan di otto anni che, durante le fasi del trasloco, lo aveva incontrato sotto casa per pochi minuti, consegnandogli la terza lettera che gli aveva scritto. Emilia non ha mai smesso di sperare che il suo politico preferito fosse riconfermato. La buona pasticceria palermitana seguirà Mattarella anche a Roma. Per festeggiare la rielezione gli verrà recapitata una torta Savoia o una cassata. A mandargliela, Vincenzo Damiano della pasticceria San Michele, un bar a due passi da casa di fronte la chiesa omonima. «Abbiamo tifato per lui fin dall’inizio - dice il figlio del titolare della pasticceria, Massimiliano - una persona esageratamente gentile, unica, modesta, elegante e perbene. E nel tempo ha mantenuto il suo stile». 

Felice per la rielezione di Mattarella anche don Alerio Montalbano, parroco della chiesa di San Michele, la parrocchia dove il capo dello Stato assiste alla messa domenica quando si trova a Palermo, quasi sempre allo stessa stessa ora, le 11 del mattino, seduto negli ultimi banchi. «Un uomo di fede - sottolinea il parroco - che partecipa alle celebrazioni in maniera riservata. La scorta lo accompagna ma nessuno se ne accorge. Per lui nessun posto riservato: quando arriva, siede con discrezione, in mezzo agli altri fedeli, raccogliendosi in preghiera». 
 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA