Notizie locali
Pubblicità

Palermo

Omicidio Burgio, tre rinvii a giudizio per i fratelli Romano e uno dei loro figli

Il giovane fu assassinato alla Vucciria il 31 maggio dello scorso anno

Di Redazione

Il Gup Marco Gaeta ha disposto il rinvio a giudizio per i fratelli Matteo e Domenico Romano e il figlio del secondo, Giovanni Battista, accusati dell’omicidio di Emanuele Burgio, il giovane assassinato a Palermo a colpi di pistola in via Cassari, nel quartiere della Vucciria, il 31 maggio dello scorso anno. I tre furono fermati dalla squadra mobile poche ore dopo il delitto. Il processo inizierà il 13 luglio davanti alla prima sezione della Corte d’assise. Il giudice ha accolto la richiesta del procuratore aggiunto Paolo Guido e dei sostituti Giovanni Antoci e Gaspare Spedale, che contestano anche l’aggravante mafiosa. Nessuno dei parenti della vittima si è costituito parte civile. Gli avvocati degli imputati, Giovanni Castronovo, Vincenzo Giambruno e Raffaele Bonsignore avevano chiesto il rito abbreviato, ma il gup ha respinto l’istanza e si andrà così al dibattimento. 
 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: