Notizie locali
Pubblicità

Palermo

Palermo, ex calciatrice muore di infarto a 23 anni due mesi dopo il fratello

Vittoria Campo ha accusato un malore ed è deceduta in ospedale. Alessandro, era stato trovato morto a Favignana l’1 settembre scorso

Di Redazione

Una ragazza di 23 anni, Vittoria Campo, è morta in ospedale a Palermo dopo un malore in casa a San Martino delle Scale. La giovane era molto nota negli ambienti sportivi perché fin da ragazzina ha giocato a calcio.

Pubblicità

La ragazza è morta all’ospedale Ingrassia di Palermo dove era stata trasportata d'urgenza.  A rendere ancora più drammatica la vicenda, il fatto che esattamente due mesi prima, l’1 settembre, il fratello 25enne era stato ritrovato privo di vita a Favignana, dove si trovava per un lavoro estivo.  Avrebbe avuto un malore esattamente come la sorella. Sul corpo venne effettuata l’autopsia e il decesso fu attribuito a un arresto cardiaco. I familiari dopo la morte del giovane ipotizzarono un collegamento col vaccino anticovid. Entrambi i fratelli non avevano mai sofferto di patologie ed erano sportivi.

La ragazza giocava in squadre femminili di calcetto, nella squadra dilettantistica Ludos ma aveva giocato anche nella squadra delle donne del Palermo calcio. Il fratello della giovane, di 25 anni, Alessandro, era stato trovato morto a Favignana l’1 settembre scorso.

L’Asd Palermo femminile in un post su Facebook scrive: «Nessuna parola potrà mai rappresentare il dolore e lo sgomento per la prematura perdita di una giovane Donna e Calciatrice. Il pensiero della Società va ai Genitori che devono convivere con questo nuovo e incommensurabile dolore. Vittoria sei e rimarrai sempre nei nostri cuori. Grazie per le emozioni che ci hai regalato».

L'ultimo post pubblico della ragazza sulla sua pagina Fb risale al 9 settembre scorso: «Domani verrà celebrato il funerale di mio fratello Alessandro. Alle ore 9.30 presso la chiesa Cattedrale di Palermo». 

Sulla morte indagano i carabinieri. La madre era tornata a casa in tarda serata e ha visto che figlia era a letto. Pensava stesse dormendo. Poco dopo si è accorta che la figlia stava male. La corsa in ospedale, ma qui dopo un’ora è stata dichiarata la morte. Alla luce dell’esame del medico legale, il pm che sta seguendo il caso deciderà se eseguire o meno l’autopsia. 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: