Notizie locali
Pubblicità

Politica

Acque agitate nel Pd siciliano, Raciti: «Non partecipo alla Festa dell'Unità a Ragusa»

Il deputato esponente dell'area Orfini accusa il partito di aver escluso il sindaco di Pozzallo e il tema migranti

Di Redazione

«Non parteciperò alla festa regionale del Pd siciliano che inizia oggi a Marina di Ragusa. Non lo farò perché è stata resa impossibile la partecipazione del sindaco di Pozzallo, Roberto Ammatuna, che avevo coinvolto per un dibattito sull'immigrazione alla luce di un esperienza in prima linea nel campo dell’accoglienza e di una storia limpidamente di centrosinistra. Ne risulta un programma più povero, privo di uno degli argomenti centrali dell’agenda politica siciliana e nazionale». 

Pubblicità

Così il deputato del Pd, Fausto Raciti, esponente dell’area Orfini. 

«Questo tipo di feste, per chi le sa organizzare, rappresentano il partito che si ha in mente. Quello che ne viene fuori è l'opposto del Partito democratico immaginato da Enrico Letta con le "Agorà Democratiche" - aggiunge - e cioè che sappia aprire, coinvolgere, crescere per qualità dell’offerta politica e pluralismo delle idee. Evidentemente al segretario regionale Anthony Barbagallo va bene così. Dal mio punto di vista è un modo di interpretare il compito del Pd che non condivido».

La Festa dell’Unità regionale del Partito Democratico della Sicilia a Marina di Ragusa si è aperta oggi segnando il ritorno della tradizione kermesse demi nell'Isola, am non si certamente aperta nel segno dell'unità. A Marina di Ragusa, oltre alla deputazione del Pd all’Ars al completo, guidata dal capogruppo Giuseppe Lupo, ci saranno anche diversi esponenti e parlamentari nazionali. Hanno, infatti, assicurato la presenza, Francesco Boccia, Paola De Micheli, Nicola Oddati, Alberto Losacco, Caterina Chinnici, Piero De Luca, Santi Cappellani e Carmelo Miceli.

Presenti, tra gli altri, il vice segretario nazionale del Pd, Giuseppe Provenzano, i segretari regionali di Cgil, Cisl e Uil, il sindaco di Palermo Leoluca Orlando e Giuseppe Antoci, presidente onorario della Fondazione Caponnetto. Le conclusioni, venerdì alle 21, saranno affidate al segretario del Pd Sicilia, Anthony Barbagallo. 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA