Notizie locali
Pubblicità
Bullismo e cyberbullismo, audizione del professor Francesco Pira alla V Commissione dell'ARS

Politica

Bullismo e cyberbullismo: Ars approva la legge per combatterli

Il disegno di legge è stato approvato all'unanimità

Di Redazione

 L’Ars ha approvato all’unanimità il disegno di legge che prevede Interventi rivolti alla prevenzione e al contrasto ai fenomeni del bullismo e del cyberbullismo in Sicilia. Si potranno promuovere programmi e progetti per la diffusione della cultura della legalità e del rispetto della dignità personale, nonché interventi per la tutela della integrità psico-fisica dei minori in particolare nell’ambiente scolastico e nei luoghi di aggregazione giovanile, ed interventi finalizzati alla diffusione della cultura del rispetto dei sentimenti relativi alla sfera dell’affettività e della sessualità. "Un altro aspetto importante della legge - dice il deputato del Pd Nello Dipasquale - riguarda la possibilità di avviare una serie di iniziative coinvolgendo associazioni ed operatori del settore, per promuovere tra i giovani siciliani un uso consapevole dei sociale network e più in generale del web, con particolare attenzione al fenomeno del revenge porn ed alla diffusione di immagini e video sessualmente espliciti".

Pubblicità

Prevista la realizzazione di campagne di sensibilizzazione e di informazione rivolte agli studenti e alle loro famiglie; la promozione di iniziative di carattere culturale, sociale, ricreativo e sportivo sui temi della legalità e del rispetto reciproco, nonché sull'uso consapevole degli strumenti informatici e della rete internet; l’organizzazione di corsi di formazione per il personale scolastico, gli operatori sportivi e gli educatori in generale; l’attivazione di progetti di rete; l'organizzazione di corsi, programmi di assistenza, di gruppi di supporto per i genitori; l’attivazione di programmi di sostegno in favore dei minori vittime, autori e spettatori di atti di bullismo, ovvero di un percorso di sostegno con il gruppo classe in cui si sono verificati gli atti di bullismo, di cyberbullismo, di cyber pedofilia e di sexting, nonché di sportelli di ascolto negli istituti/scuole. "Per fare questo si valorizzeranno le professionalità che in questi anni sono già state attive in questo importante settore: esperti di comunicazione e strumenti digitali, psicologi, operatori sociali e giovanili, insegnanti e operatori scolastici, associazioni giovanili - commenta la deputata della Lega, Marianna Caronia -. Questa legge può essere quindi uno strumento importante per difendere i più giovani ma non solo loro dalle conseguenze e dagli aspetti negativi della rete e del digitale, che purtroppo con la pandemia si sono manifestati in modo particolarmente pesante e diffuso». Esprime soddisfazione il deputato di Db, Giorgio Assenza. «Oggi è un giorno davvero importante - afferma Assenza - non solo perché la Sicilia si dota di una legge ad hoc contro i crescenti fenomeni che avvengono in Rete, primo tra tutti il cyberbullismo, ma perché si tutelano i minorenni che sempre in misura maggiore utilizzano gli smartphone andando incontro a pericolosi rischi». "La legge è un importante passo avanti- afferma Cetty Mannino, esperta in new media - perchè permette di allineare la Sicilia, al resto delle altre regioni, e di avere come punto di riferimento la legge nazionale 71/17 «Disposizioni a tutela dei minori per la prevenzione ed il contrasto del fenomeno del cyberbullismo. E’ fondamentale puntare il dito sulla prevenzione dei fenomeni in rete e di educare, soprattutto i minorenni, all’uso corretto dei dispositivi e della rete e per farlo è necessario coinvolgere tutta la società».  
 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: