Notizie locali
Pubblicità

Politica

Catania, il sindaco Salvo Pogliese pronto a dimettersi giovedì in tempo per candidarsi alle Politiche

Il primo cittadino, attualmente sospeso dopo una condanna per peculato per le spese pazze all'Ars, poi vorrebbe ricandidarsi alle Comunali nella prossima primavera

Di Redazione

Salvo Pogliese, il sindaco di Catania sospeso per la legge Severino dopo una condanna per peculato risalente ai tempi in cui era deputato regionale, si avvia verso le dimissioni.

Pubblicità

Dimissioni che dovrebbero arrivare giovedì, ovvero nell’ultimo giorno utile per potersi candidare alle elezioni Politiche. La decisione ultima sarà presa domani dopo il vertice tra i leader nazionali dei partiti del Centrodestra chiamati a dipanare la delicatissima questione dei collegi. Salvo Pogliese, se Giorgia Meloni intenderà candidarlo nonostante la condanna, sarà il capolista del collegio plurinominale di Catania.

C’è anche un’altra interpretazione, rilanciata ad esempio dall’Adnkronos, secondo cui Pogliese lascerà la carica di primo cittadino del capoluogo etneo per potere affrontare da libero cittadino il processo d’appello sulle cosidette “spese pazze” dopo che in primo grado per è stato condannato a 4 anni e tre mesi. Pogliese spera nell’assoluzione e nella ricandidatura a sindaco di Catania nelle elezioni comunali della primavera del 2023, indipendentemente da una ipotetica candidatura alla Camera dei deputati con il proporzionale nelle file di FdI in vista delle politiche del 25 settembre prossimo, dalla quale carica, in caso di elezione – dice l’Adnkronos - si dimetterebbe per tornare a Palazzo degli Elefanti.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA