Notizie locali
Pubblicità

Politica

Catanzaro: festa per Fiorita sindaco sino a tarda notte

Il neo-sindaco ottiene più voti che al primo turno.Crollo Donato

Di Redazione

CATANZARO, 27 GIU - E' andata avanti sino a tarda notte, tra cori ed il canto di "Bella ciao", la festa per le strade di Catanzaro dei sostenitori di Nicola Fiorita, espressione di liste civiche e del campo largo auspicato da Letta a livello nazionale con Pd e M5S, eletto sindaco con il 58,24% dei voti. Una vittoria in rimonta che gli ha consentito di superare lo sfidante, il civico ex Pd Valerio Donato, sostenuto da Lega e Forza Italia, ma senza simboli, da forze di centrosinistra e, al ballottaggio, anche da Fdi ma senza apparentamento. Fiorita, docente di Diritto canonico e Diritto ecclesiastico all'Unical, ha ottenuto più voti del primo turno, 17.823 contro 14.966, in una tornata con una scarsissima affluenza, 42,22% contro il 65,91% di 15 giorni fa. Una flessione che sicuramente ha favorito il neo-sindaco - insieme alla voglia di cambiamento dell'elettorato dopo 10 anni a guida centrodestra con l'uscente Sergio Abramo e alla frammentazione del centrodestra, schierato su tre candidati - ma che forse non spiega totalmente il dato. Donato, docente di Diritto privato all'università Magna Graecia di Catanzaro, subisce un vero crollo di consensi, passando da 20.768 a 12.778. Un dato sul quale dovrà riflettere insieme alla compagine che lo ha sostenuto. "C'è una sconfitta - il commento di Donato a caldo - e bisogna che se ne prenda atto. Poi ci sarà una valutazione più approfondita e si vedrà se per caso ci sono flussi anomali ma è un po' di dietrologia che vorrei eliminare dalla mia mente in questo momento". "Il centrodestra - la lettura di Fiorita - ha fatto un disastro costruendo un progetto non credibile a cui si è aggiunto all'ultimo momento anche Fdi e questo forse ci ha aiutato. La verità è che questa città voleva cambiare. Voleva sperare e fidarsi di qualcuno". Dopo il ballottaggio, secondo i dati del Viminale, alla coalizione di Donato spetta comunque la maggioranza in Consiglio ottenuta già al primo turno: 17 seggi; 9 vanno alla coalizione di Fiorita e 3 a quella dell'altro candidato di centrodestra, Antonello Talerico, che per il ballottaggio aveva dato indicazione di voto per Fiorita. Il Consiglio è poi completato da Fiorita, Donato, lo stesso Talerico e la deputata di Fdi Wanda Ferro.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: