Notizie locali
Pubblicità

Politica

De Petris (Leu), salario minimo non è una bandiera di partito

In Italia esiste un problema salariale enorme, va affrontato ora

Di Redazione

ROMA, 12 LUG - "I dati del rapporto Inps sono raggelanti e confermano, se mai ce ne fosse stato bisogno, che in Italia esiste un problema salariale enorme che va affrontato ora. Un quarto dei lavoratori prende meno di 9 euro lordi all'ora: deve quindi vivere con meno di 780 euro al mese. E' un dramma per il presente e lo è anche per il futuro perché questa situazione inciderà sulle pensioni future. Oggi il 32% dei pensionati percepisce meno di 1000 euro al mese ma il quadro è destinato a peggiorare molto. E' assurdo e sconcertante che, in queste condizioni, il salario minimo venga fatto passare per una bandiera identitaria del M5S invece che come una esigenza assoluta imposta dalla realtà": lo afferma la capogruppo di LeU al Senato Loredana De Petris. "Dovrebbe essere l'intero campo progressista, con il Pd in prima fila, a reclamare con massima forza il salario minimo, invece di fingere che si tratti di un braccio di ferro politicista tra il governo e una parte della maggioranza", conclude la senatrice De Petris.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA