Notizie locali
Pubblicità

Politica

Il piano rifiuti di Musumeci bocciato dalla Commissione Ue: a rischio i fondi per gli impianti di trattamento

A lanciare l'allarme sono i deputati del M5S all’Assemblea regionale siciliana, Giampiero Trizzino e Ketty Damante, sulla base di una nota partita dall’Europa nei giorni scorsi

Di Redazione

La Commissione europea ha bocciato il piano di rifiuti del governo Musumeci e ha chiuso i rubinetti dei fondi destinati per la costruzione degli impianti di trattamento. A lanciare l'allarme sono i deputati del M5S all’Assemblea regionale siciliana, Giampiero Trizzino e Ketty Damante, sulla base di una nota partita dall’Europa nei giorni scorsi che rischia di «mettere definitivamente in ginocchio il già deficitario sistema di smaltimento dei rifiuti siciliano». Sarebbero a rischio oltre 35 milioni di euro di foni europei destinati alla realizzazione degli impianti per il trattamento dei rifiuti differenziati.

Pubblicità

La nota in questione «è stata spedita in questi giorni - dicono i due deputati - dal ministero della Transizione ecologica una nota diretta al dipartimento regionale dell’acqua e dei rifiuti che comunica la batosta arrivata dall’Europa che mette a rischio i fondi destinati alla costruzione di tutti gli impianti dei rifiuti in programma in Sicilia fino al 2027. Sarebbe una tragedia di proporzioni spaventose. E, comunque, è già la certificazione della totale inadeguatezza del governo Musumeci che più volte abbiamo sottolineato».

«Lo avevamo detto già all’indomani della pubblicazione in Gazzetta ufficiale - commenta Trizzino - che il programma di Musumeci sui rifiuti, faceva acqua da tutte le parti. Adesso arriva la conferma dall’autorità internazionale più importante, quella che dà il via libera ai fondi europei, la Commissione europea".

«Il Piano - si legge nella nota della Commissione - non è conforme alla Direttiva quadro sui rifiuti, perché "mancano informazioni sufficienti sul tipo, la quantità e la fonte dei rifiuti prodotti sul territorio e una valutazione dello sviluppo dei flussi di rifiuti in futuro"». Il Piano di Musumeci, inoltre, secondo la Commissione, «è privo di una descrizione chiara e dettagliata delle misure previste per conseguire gli obiettivi».

«La non conformità del piano dei rifiuti - afferma Damante - non solo mette a rischio la tutela del nostro già martoriato territorio, ma rappresenta un potenziale danno per le tasche dei siciliani. Senza questo documento restano bloccati sia fondi europei della programmazione 2014-2020, per un importo di circa 35 milioni di euro, sia quelli inerenti al periodo 2021-2027».

«Gli impianti di trattamento - conclude Trizzino - sono fondamentali nel sistema di smaltimento dei rifiuti, non realizzarli sarebbe condannare la Sicilia all’eterna emergenza. Proprio in questi giorni abbiamo raccolto il grido d’allarme dei sindaci che si trovano costretti ad aumentare in modo spropositato la tassa sui rifiuti per sopportare le spese legate al trasporto fuori regione, proprio a causa della carenza degli impianti in Sicilia».

 

L'assessora Baglieri: «Non è vero che il piano è stato bocciato»

«Mi stupisce, e non poco, che alcuni deputati regionali del Movimento 5 stelle, sempre attenti alle tematiche del mio assessorato, possano fare dichiarazioni prive di fondamento, per creare apposta allarmismi tra la popolazione. Non è vero che il Piano rifiuti predisposto dalla Regione sia stato bocciato dalla Commissione europea». Lo afferma l’assessore regionale all’Energia Daniela Baglieri. 

«Da mesi - continua l’esponente del governo Musumeci - dialoghiamo con il ministero della Transizione ecologica, che sta facendo le proprie valutazioni in merito. Abbiamo già fatto il primo incontro alcuni mesi fa e a breve ci rivedremo. Siamo in una fase assolutamente interlocutoria per elaborare una revisione o integrazione del Piano, così come le altre Regioni italiane. Capisco che la campagna elettorale può creare storture in merito alle vicende politiche, ma così facendo si rischia solamente di confondere i cittadini, che vogliono liberarsi dalla schiavitù delle discariche».

 

La controreplica

«Ci sarebbe piaciuto che anziché provare a vincere il campionato di arrampicata sugli specchi, difendendo l’indifendibile, il governo Musumeci si fosse impegnato a correre ai ripari, ammettendo le enormi lacune del piano rifiuti segnalate dalla Commissione europea, che hanno portato l’istituzione Ue a dichiarare il piano "non conforme" alla direttive sull'economia circolare, mancante "di una descrizione chiara e dettagliata... delle misure per conseguire gli obiettivi" e senza "una stima dei costi futuri per il sistema dei rifiuti previsto". Se questa non è una bocciatura... Anzi, per la precisione questa è la terza bocciatura del piano che arriva dopo quella del ministro Costa nel 2018 e del Cga nel 2021, a conferma che Musumeci e la gestione dei rifiuti sono due rette parallele». Lo ha dett il deputato del M5S all’Ars Giampiero Trizzino in risposta alle dichiarazioni del governo regionale, che bolla le affermazioni dei deputati del M5S «prive di fondamento per creare apposta allarmismi tra la popolazione durante la campagna elettorale». 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: