Notizie locali
Pubblicità
Lega in Sicilia, cambia il vertice: Nino Minardo al posto di Candiani

Politica

Il sì di Salvini a Minardo candidato a presidente della Regione: «Non saremo semplici spettatori»

Il leader della Lega, in un'intervista esclusiva al quotidiano "La Sicilia" rivendica «il dovere di guidare anche una regione del Sud» e si proietta anche alle prossime Amministrative di Catania e Palermo

Di Mario Barresi

Matteo Salvini lancia la corsa del segretario regionale della Lega come candidato governatore in Sicilia: «Nino Minardo è giovane, con esperienza e ha consolidato rapporti di stima che lo fanno riconoscere dagli alleati come un interlocutore affidabile, ne parleremo al momento opportuno». Così il leader del Carroccio, in un’intervista esclusiva a “La Sicilia”, in cui rivendica «il dovere di guidare anche una regione del Sud» anche in considerazione degli equilibri nazionali del centrodestra: «La Lega aveva e ha ottimi nomi in ogni regione italiana, e dalla Puglia alla Campania abbiamo fatto scelte di lealtà verso la coalizione, ma i risultati non sono stati quelli sperati» e adesso «di sicuro, in Sicilia la Lega c’è e non sarà semplice spettatrice».

Pubblicità

Salvini gela anche l’asse fra Giorgia Meloni e Nello Musumeci, che ha proposto di recente alla leader di FdI un’alleanza per le Regionali: «Non soffro di gelosia. Mi preme costruire una squadra vincente per la Sicilia, lascio ad altri le manovre di palazzo». L’ex ministro dell’Interno smentisce spaccature nel suo partito in Sicilia: né fra integralisti e moderati, né fra vecchia guardia e nuovi entrati : «Non c’è una Lega più moderata di un’altra. Esiste solo la Lega, con un segretario che deve fare una sintesi. Sono contento dello sviluppo del partito in Sicilia, un mix tra competenza, equilibrio e facce nuove». E a Renzi, che ha augurato «buona Padania» agli ex di Italia Viva passati col Carroccio, replica: «Con il governo Renzi erano sbarcati in Italia 500mila immigrati. Rifletta su questo dato: potrebbe capire come mai i siciliani si fidano della Lega e non di lui».

Ma Salvini nell’intervista guarda anche al voto alle Amministrative: dopo la tornata d’autunno ci sarà prima Palermo («La Lega ha personale politico all’altezza per guidare la città») e poi Catania nel 2023, una prospettiva su cui il leader non smentisce la tentazione di candidare la senatrice ex renziana Valeria Sudano: «Conosco e stimo Pogliese, ma la Lega ha donne e uomini capaci di prendere in mano la città».

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: