Notizie locali
Pubblicità

Politica

Miccichè all'Ars senza cravatta: «Lo so che è vietato, chiedo scusa»

Il presidente dell'Assemblea ha spiegato che si è trattato di un imprevisto

Di Redazione

«Chiedo scusa a tutti, sono senza cravatta. So che è vietato ma sono certo che mi perdonerete, pensavo che il ddl di variazioni di bilancio sarebbe stato incardinato domattina». Curioso fuori programma all’Ars nel corso della seduta di oggi: il presidente Gianfranco Miccichè si è infatti presentato in aula senza cravatta, accessorio obbligatorio a Sala d’Ercole in base al regolamento parlamentare. Miccichè si è scusato con i deputati presenti subito dopo avere aperto la seduta, e ad uno di loro che dai banchi gli ha chiesto se non potesse farsene prestare una, ha risposto sorridendo: «una cravatta ce l’ho, il problema è che con questa camicia non posso metterla». 

Pubblicità

La camicia indossata da Miccichè, infatti, aveva un colletto "guru" con il quale non è possibile «bloccare» la cravatta. La seduta dell’Ars è durata appena due minuti, il tempo necessario ad incardinare il ddl di variazioni di bilancio, comunicare il termine per la presentazione degli emendamenti e rinviare l'esame a martedì. 
 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: