Notizie locali
Pubblicità

Politica

Musumeci "ufficializza" il matrimonio con Meloni: «Centrodestra si costruisce dai territori»

Dopo Fratelli d'Italia nei giorni scorsi anche il presidente della Regione ha parlato del patto tra DiventeràBellissima e Fdi

Di Redazione

«Ringrazio Giorgia Meloni e FdI per le parole pronunciate a sostegno del buongoverno di questi anni, che è stato improntato ai principi sani della coerenza comportamentale, della legalità sostanziale e della ricerca continua del bene comune. Anni difficili, nel mezzo di una crisi sanitaria ed economica, per una Regione del Mezzogiorno, con un tasso di povertà e disoccupazione tra i più alti d’Europa. Nonostante questo siamo stati capaci di spendere risorse, di promuovere azioni a sostegno delle imprese e di guardare ai più giovani e alla loro formazione».

Pubblicità

 

 

Lo ha detto in un posto sui social il Presidente della Regione siciliana Nello Musumeci, dopo l’endorsement della leader di Fratelli d’Italia. L’apprezzamento pubblico di Giorgia Meloni e dei vertici di FdI è arrivato ieri a favore della attività del governo regionale e della ricandidatura dello stesso Musumeci. 

 

 

«Il Mezzogiorno e il Mediterraneo sono tra le sfide più difficili e, allo stesso tempo, esaltanti del nostro tempo. Il Mezzogiorno, dove si è dimostrato, a partire dalla Sicilia, che si possono vincere gli stereotipi della politica sempre uguale a se stessa e incapace di rompere con il passato - dice -Il Mediterraneo, cuore della nostra civiltà e frontiera di una Europa silente e attonita di fronte alle grandi crisi che investono il Continente africano». 

«Questi due elementi sono il cuore del “Patto di collaborazione” che legherà #Db a FdI, per fare crescere a Roma il dibattito su un Sud che non vuole essere estrema frontiera di una Europa nella quale i popoli vengono dopo le lobbies.- prosegue Musumeci -Una occasione per dimostrare che dai territori si può ricostruire il centrodestra, puntando a riallacciare il tessuto connettivo tra la politica e la società, in nome del buon governo, che non esclude ma include, che non allontana ma avvicina, che non urla ma amministra». 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA