Notizie locali
Pubblicità

Politica

Palermo, il Centrodestra si avvia alla scelta finale: vicino al candidato unico

Viene tutto rinviato ancora di alcune ore: un ulteriore vertice tra i partiti della coalizione per trovare la tanto agognata quadra su chi dovrà candidarsi a sindaco della città superando le spaccature delle ultime settimane. Frattanto Miccichè e Lentini annunciano un percorso comune

Di Redazione

Il centrodestra converge verso un candidato unico a sindaco di Palermo, secondo quanto scrivono in serata i coordinatori regionali dei partiti dello schieramento: "A seguito delle interlocuzioni tra i candidati a sindaco per Palermo Francesco Cascio, Roberto Lagalla e Totò Lentini, unitamente alle forze politiche del centrodestra che li sostengono, è stato deciso di comune accordo - dicono in una nota congiunta - di dare vita a un incontro che si terrà domani alle 12,30 per trovare, con spirito unitario, una sintesi e addivenire ad una unica candidatura a sindaco». 

Pubblicità

Secondo quanto apprende l’Italpress da qualificate fonti della coalizione, domani durante l’incontro in programma alle 12 tra i tre candidati sindaco Francesco Cascio, Roberto Lagalla e Totò Lentini, tutti i partiti del centrodestra dovrebbero convergere su Lagalla candidato unico. Cascio dovrebbe invece ritirarsi dalla corsa e al momento non sarebbe previsto alcun incarico per l’ex presidente dell’Ars, mentre Lentini con ogni probabilità avrà un ruolo nella Giunta Lagalla qualora l’ex rettore dell’Ateneo di Palermo dovesse essere eletto. Dopo le frizioni dei giorni scorsi, si sarebbe giunti dunque a una vera e propria svolta. Una svolta anticipata nel pomeriggio dalla nota congiunta a firma Totò Lentini e Gianfranco Miccichè, nella quale i leader di Alleanza per Palermo e di Forza Italia annunciavano che "ci siamo incontrati per trovare assieme una soluzione unitaria per un centrodestra coeso, forte e vincente a Palermo in vista delle amministrative del 12 giugno. Abbiamo convenuto un percorso comune per il bene della città". 
 

 

"Abbiamo condiviso una serie di punti che fanno parte del programma di Alleanza per Palermo che sono poi anche parte del programma di Forza Italia e che individuano soluzioni per il bene di Palermo - le parole di Lentini e Miccichè -. Al di là delle candidature in campo, da innamorati della nostra città, abbiamo deciso di trattare assieme i punti in questione per rafforzare il programma che presenteremo nei prossimi giorni". 

Chi esprime ancora qualche perplessità sulla possibilità che la coalizione possa trovare la tanto agognata quadra, è però il leader della Lega Matteo Salvini: «Sulle amministrative c'è chi ragiona di squadra e chi di singolo. La Lega a Palermo aveva indicato Francesco Scoma che però non trovava il consenso di tutti. L'abbiamo ritirata. Nonostante questo ad oggi sono ancora tre. Spero si arrivi ad uno solo così come a Parma, Viterbo o Agrigento, spero che nessuno pecchi di presunzione».

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA