Notizie locali
Pubblicità

Politica

Palermo, asse anti-Lagalla fra Lega, FdI e Mpa: Cascio «candidato che spariglia»

L'ex presidente dell'Ars, oggi medico a Lampedusa, non chiude all'ipotesi: «Ma solo con un centrodestra tradizionale allargato al civismo»

Di Mario Barresi

In Transatlantico, martedì, un inedito trio ha provato a passare inosservato. Avvistati: due colleghi deputati di centrodestra (il leader regionale della Lega Nino Minardo e Carolina Varchi di Fdi), con un insolito ospite, Roberto Di Mauro, segretario degli Autonomisti. I tre, dopo un po’, sono spariti. Perché a Montecitorio c’era bisogno di un luogo appartato per discutere di una faccenda delicata. Ovvero: un fronte comune «per proporre alla coalizione un candidato a sindaco di Palermo». Sottinteso: diverso da Roberto Lagalla, già in campo con l’Udc e la benedizione di Forza Italia.

Pubblicità

II vertice è andato «molto bene», raccontano fonti ben informate. A tal punto che l’asse sovranista-autonomista per rimescolare le carte nel centrodestra vuole coinvolgere anche DiventeràBellissima. Contatti in corso fra Pippo Fallica e Alessandro Aricò. Se anche il movimento di Nello Musumeci fosse della partita, l’ipotesi dell’assessore centrista potrebbe davvero essere in discussione.

Ma quale sarebbe il nome da proporre agli alleati? Ogni forza ha aspirazioni: s’è parlato degli stessi Varchi ed Aricò, sul fronte lombardiano sgomita Totò Lentini e la Lega ha più d’un papabile, dal neo-acquisto Francesco Scoma alla pasionaria Marianna Caronia. L’identikit, che piace molto anche a Raffaele Lombardo, è però quello di «uno che sparigli gli schieramenti».

L’ex governatore aveva già sondato la disponibilità di Nino Caleca, avvocato ed ex assessore crocettiano, oggi membro del Cga. Ma negli ultimi giorni si assommano i “like” sull’ipotesi Francesco Cascio. L’ex presidente dell’Ars , medico a Lampedusa, frena: «Candidarmi a sindaco di Palermo? Al momento non ho previsto questa possibilità», dice a LiveSicilia. Ma aggiunge: «Salvo che a tempo debito non ci sia la proposta concreta di un centrodestra tradizionale allargato al civismo che veda in me una sintesi politica». Esattamente l’operazione su cui lo strano terzetto romano ha messo la prima pietra martedì.
Twitter: @MarioBarresi

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA