Notizie locali
Pubblicità

Politica

Primarie centrosinistra, 36mila registrati

Il termine scade a mezzanotte, si voterà il 23 on line e nei gazebo

Di Redazione

Sono circa 36mila al momento le persone che si sono registrate in piattaforma per potere partecipare alle Primarie del campo progressista in Sicilia, in programma sabato, per la scelta del candidato o della candidata alla presidenza della Regione siciliana: in corsa ci sono Claudio Fava per Centopassi, Barbara Floridia per il M5s e Caterina Chinnici per il Pd. Il termine per potersi registrare scade oggi alle 23,59. Si voterà il 23, on line e nei gazebo allestiti in alcune piazze della Sicilia. 

Pubblicità

La forbice delle registrazioni nel pomeriggio segnava 36-40 mila click, meno della metà delle 100mila pronosticate qualche mese fa. Il tema però è ben altro. A rendere l’idea delle tensioni in atto sono le parole di Claudio Fava. "Per quanto mi riguarda, le primarie vanno avanti, ma mi chiedo con quale spirito di lealtà domani il partito di Conte sarà capace di lavorare al servizio di questa coalizione. E soprattutto - attacca Fava - mi chiedo se saranno primarie senza Papi stranieri, né forestieri venuti in soccorso dal centrodestra. Delle due, l’una: o si lavora insieme, uniti, per il cambiamento oppure si governa con Raffaele Lombardo».

A rispondergli è Giancarlo Cancelleri, pezzo grosso dei 5Stelle siciliani: «Le parole di Claudio Fava mi sembrano il disegno di una persona che sta facendo i capricci solo per poi poter avere la scusa e dire 'io me ne vado e mi candido lo stesso'». Per il sottosegretario alle Infrastrutture «non è attaccando che si costruisce una coalizione: ve lo dico io: Fava sta solo mettendo le mani avanti, fa così solo per poter dire 'io ve l’avevo detto, me ne vado e mi candido da solò». Tenta di gettare acqua sul fuoco il segretario regionale del Pd, Anthony Barbagallo. "Nella nostra regione abbiamo lavorato uniti e compatti con un unico denominatore comune: scalzare il governo di centrodestra rappresentato da Nello Musumeci - dice - E su questo abbiamo messo su le Primarie». Si professa «garante e custode di questo prezioso cammino comune», Barbara Floridia che indica un solo obiettivo: «Allontanare l’isola dai fallimenti del governo di Musumeci».

Fuori dalle Primarie, alcuni potenziali alleati dei progressisti lanciano i loro ultimatum: «Come nulla fosse accaduto, si sta andando alle primarie del campo largo tra Pd e M5s. Come si può rivendicare Draghi e allearsi con chi lo ha affossato danneggiando l’Italia?», scrive su Twitter il segretario di +Europa e sottosegretario agli Affari Esteri, Benedetto Della Vedova. "Anacronistica, assurda e ridicola la volontà di proseguire con le primarie in Sicilia», aggiunge Giorgio Trizzino, deputato di Azione. «Annullate le primarie, sarebbe una scelta di buon senso e di buona politica» è l'appello del senatore di Iv Davide Faraone.

Sull'altro fronte, l’ampia fronda del «no a Musumeci» avrebbe già il nome alternativo (in pole Raffale Stancanelli di FdI) e sarebbe pronta a lanciarlo nel vertice previsto per domani: ma FdI frena, e chiede al leader di Fi Gianfranco Miccichè di rinviare il tavolo del centrodestra per la crisi a Roma. 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: