Notizie locali
Pubblicità

Politica

Quirinale: alla quinta votazione il centrodestra punta tutto sulla Casellati, no di Pd e M5s

Matteo Renzi invece rilancia l'idea che si arrivi al bis di Mattarella

Di Redazione

È la presidente del Senato Maria Elisabetta Casellati il nome che il centrodestra voterà questa mattina quando si apriranno le urne della quinta votazione per l'elezione del presidente della Repubblica. La decisione, discussa ieri sera in un primo vertice, è stata confermata nella riunione tra Salvini, Meloni, Tajani e le altre formazioni del centrodestra. Prima del voto però il leader della Lega ha fatto sapere di aver chiesto un incontro ai rappresentanti dello schieramento avversario. 

Pubblicità

In attesa di capire se la riunione avrà veramente corso e soprattutto l’esito dell’incontro, Pd-M5s-Leu sarebbero orientati a votare scheda bianca oppure a proporre un loro nome. I Cinque Stelle però potrebbero distinguersi dal resto dello schieramento e dare libertà di coscienza ai loro elettori. Un’ipotesi discussa nel corso di una riunione lampo alla quale era presente anche Luigi Di Maio. 

Convinta della decisione presa dalla coalizione di centrodestra è la leader di Fdi Giorgia Meloni. È bene che «si verifichino i numeri in aula - spiega e che si ponga fine a questa cosa incomprensibile del non voto o della scheda bianca». 

Voce fuori dal coro quella dell’azzurro Elio Vito: «Non sono d’accordo con la decisione dei leader del centrodestra di votare, senza un ampio accordo». Matteo Renzi invece rilancia l'idea che si arrivi al bis di Mattarella: «Sarebbe una forzatura - dice il leader di Iv - ma al venerdì mattina o la vicenda si risolve nelle prossime ore o questa ipotesi è in campo con tutta la sua forza». Occhi dunque puntati sul pallottoliere con cui si testerà la tenuta del centrodestra. 

Scontato che il centrosinistra non converga sul nome dalla Casellati, i giochi si riapriranno dopo una eventuale quinta fumata nera. Se i partiti dovessero trovare un accordo, l'elezione del nuovo capo dello Stato arriverà nel corso della sesta votazione in programma per oggi alle 17. La capigruppo della Camera infatti ha deciso di procedere con due votazioni al giorno. 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA