Notizie locali
Pubblicità

Politica

Quirinale, muro contro muro sulla Casellati. Il Pd avvisa Salvini: "Fermati, o salta tutto"

Centrodestra diviso, spuntano i voti su Casini

Di Redazione

Si è conclusa nell’Aula di Montecitorio la terza votazione del Parlamento in seduta comune integrato dai delegati delle regioni per eleggere il presidente della Repubblica. Dopo le 14 è partito lo spoglio, che viene effettuato personalmente dal presidente della Camera Roberto Fico.  Nello spoglio un voto va al giornalista sportivo Marino Bartoletti. Oggi centrodestra e centrosinistra hanno votato scheda bianca, si è sfilata Fratelli d'Italia che ha votato Crosetto "per smuovere una situazione stagnante". 

Pubblicità


In questo quadro, Elisabetta Casellati, la carta coperta di Matteo Salvini, sembra perdere colpi anche se proprio il rischio di un tentativo di forzare la mano sul nome del presidente del Senato da parte del centrodestra avrebbe portato ad una accelerazione sul campo opposto, con il Pd che avverte il leader della lega: "Fermati o salta il governo".


La spia di questa accelerazione potrebbero essere i rumors su un test durante la terza votazione, portato avanti da alcuni settori dei moderati centristi - sul nome di Pier Ferdinando Casini. Voci confermate da alcuni parlamentari, come Julia Unterberger, che hanno dichiarato di averlo votato oggi. Un test che apre a qualsiasi tentativo di soluzione condivisa, a cominciare da quella sul nome dell’ex presidente della Camera. 


 Nel frattempo i pontieri sono al lavoro per evitare che si arrivi al muro contro muro. Ci sarebbero contatti in corso tra i vertici del Pd e il segretario della Lega per convincere Salvini a non procedere domani con il voto su un candidato di centrodestra perché - è il ragionamento - così salterebbe la maggioranza. Ma l’ex ministro al momento è irremovibile: 'Spero che Conte e Letta non si fermino ai no. Casellati? È la seconda carica dello Stato, non ha bisogno di essere candidata...'. 

 


 In vista di domani però, quando il quorum scenderà a 505 voti, passi avanti non ce ne sono. Il quadro lo fornisce Matteo Renzi, che non esclude un controblitz nel caso domani il centrodestra converga sul nome del presidente del Senato: 'Alla quarta votazione, il centrodestra potrebbe vedere se ha i voti sulla Casellati, ricostruendo una maggioranza gialloverde. Ma allora il centrosinistra farebbe un controblitz, magari con una maggioranza giallorossa. Ma il presidente della Repubblica non si elegge con le gomitate. 


L’ex premier smentisce anche i rumors sulla trattativa in corso con Salvini sul nome della Casellati che vedrebbe Italia Viva votare con il centrodestra in cambio della presidenza di palazzo Madama: 'Nessuno me lo ha offerto, ma vi sembro il tipo che dà i suoi voti per uno scambio? Io 'ste cose non le faccio. Un quadro che rafforzerebbe la possibile rapida contromossa che potrebbe prevedere il lancio della candidatura di Casini. 

 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: