Notizie locali
Pubblicità

Politica

Salvini: "Senza accordo a Palermo faremo le primarie"

Il leader della Lega in video collegamento con il seminario organizzato dall’eurodeputata Annalisa Tardino: "Siamo destinati il prossimo anno a un governo di centrodestra a guida Lega: prepariamoci, noi vinceremo le politiche"

Di Redazione

«Stare con Pd e M5s è un po' complicato, ma è una necessità. Ma siamo destinati il prossimo anno a un governo di centrodestra a guida Lega: prepariamoci, noi vinceremo le politiche». Così il leader della Lega, Matteo Salvini, in video-collegamento con il seminario «Fondi Ue: una sfida per il Sud», organizzato a Palermo dall’eurodeputata Annalisa Tardino. 

Pubblicità

«Siamo destinati a vincere le elezioni a Palermo, in questo momento fioccano i candidati a sindaco: se il centrodestra non si metterà d’accordo sul nome saremo noi della Lega a organizzare le primarie e sceglieranno i cittadini il candidato». Così il leader del Carroccio. E su Orlando: «Il sindaco di Palermo è campione del mondo per inefficienza a risolvere i problemi dei cittadini: dai rifiuti alla sepoltura delle bare. Si è costituito parte civile contro di me al processo Open Arms e vuole riempire la città di clandestini». 

«Ho parlato col mio avvocato e amica, - ha proseguito Salvini - mi ha detto che dal 17 dicembre sarò a Palermo ogni mese, e più volte al mese in alcuni casi (per il processo Open Arms): vuol dire che seguirò la campagna elettorale per il voto a Palermo e poi quella per le regionali d’autunno». 

E sulla manovra: "A Roma stiamo lavorando in queste ore alla manovra di bilancio, abbiamo mantenuto l’opzione donna, abbiamo ottenuto mezzo miliardo per garantire Quota 100, salvato la flat tax a 65 mila euro e stiamo lavorando alla delega fiscale per alzare a 100 mila euro il tetto per partite Iva, autonomi e artigiani per una tassazione piatta al 15%". 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA