Notizie locali
Pubblicità

Politica

Sicilia, per la prima volta la Finanzaria all'Ars senza passare dalle commissioni

Una deroga al regolamento parlamentare, condivisa dalla Presidenza dell’Ars con i capigruppo e il governo per i tempi strettissimi

Di Redazione

 Per la prima volta nella storia parlamentare, la manovra finanziaria in Sicilia non passerà dal vaglio delle commissioni ma approderà direttamente nell’aula dell’Assemblea regionale, dove i deputati e il governo potranno presentare eventuali emendamenti, acquisendo i pareri della commissione Bilancio durante l’esame degli articoli. Una deroga al regolamento parlamentare, condivisa dalla Presidenza dell’Ars con i capigruppo e il governo per i tempi strettissimi: tra 48 ore scadono i 4 mesi di esercizio provvisorio e la manovra deve essere approvata se non si vuole incorrere nel rischio commissariamento e scioglimento dell’Assemblea.

Pubblicità

Solo stamattina l'Ars ha ricevuto la relazione dei revisori dei conti sul bilancio di previsione, depositato dal governo una decina di giorni fa. Questo ha impedito alle commissioni di potere lavorare sui testi, per cui alla fine la Presidenza, consultati gli uffici, ha proposto la deroga al regolamento.

 

 

Le opposizioni hanno protestato, il presidente Gianfranco Miccichè ha rassicurato: «E' un eccezione, non un precedente». Alle 20 è convocata l’aula per incardinare la manovra, sarà dato un termine brevissimo per gli emendamenti in modo da avviare l'esame già domani, quando mancheranno 24 ore alla scadenza dei termini.

Al momento la legge di stabilità si compone di 22 articoli, due sono stati stralciati dalla Presidenza che ha cassato tutta una serie di altre norme contenute nel testo.

Acquisito il parere dei revisori, in tarda mattinata la giunta Musumeci si è riuniti per alcuni correttivi. Per chiudere il bilancio manca poco meno di miliardo di euro, fondi che il governo Musumeci ha già avuto assegnati dallo Stato ma la trattativa sull'utilizzo di queste risorse non si è ancora chiusa; ecco perché la legge di stabilità congela queste somme con tagli lineari del 41%. 
 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA