Notizie Locali


SEZIONI
Catania 17°

Provvedimento

Il decreto Ponte è legge: il sì del Senato con 103 voti. Salvini: «Equivale a risarcimento danni»

Presente il ministro delle Infrastrutture Matteo Salvini

Di Redazione |

Via libera alla conversione in legge del decreto sul ponte sullo Stretto di Messina. L’aula del Senato l’ha approvato con 103 voti favorevoli, 49 contrari e tre astenuti. Presente il ministro delle Infrastrutture, Matteo Salvini. Dai banchi del centrodestra è partito un applauso. Il provvedimento, che era stato approvato alla Camera lo scorso 16 maggio, definisce, tra l’altro, l’assetto della società Stretto di Messina Spa e riavvia le attività di programmazione e progettazione.

«Per la Calabria e la Sicilia il Ponte è un risarcimento danni per promesse mai mantenute». Lo ha detto il vicepremier e ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture, Matteo Salvini, in conferenza stampa dopo il voto finale sul Decreto Ponte in Senato.

«Il Ponte che collegherà Sicilia e Calabria è ormai sempre più una realtà grazie al governo nazionale di centrodestra, guidato da Giorgia Meloni che lo aveva inserito nel programma, e al ministro Matteo Salvini, il quale ha spinto l’acceleratore al massimo perché questa imponente opera possa davvero essere realizzata». Lo dice in una nota il presidente della Regione siciliana Renato Schifani dopo il via libera al decreto Ponte da parte del Senato.

«Ma il Ponte è sempre stato una priorità anche per il nostro governo regionale, infatti – prosegue Schifani – è un impegno che avevo inserito nel programma elettorale e assunto con gli elettori. E’ un grande giorno per i siciliani, i calabresi, ma vorrei dire per l’Italia e l’Europa, considerato che sarà il ponte a campata unica più lungo del mondo e diventerà oltre che una infrastruttura indispensabile per unire fisicamente l’Italia, anche un’attrazione turistica».

«Il primo concorso di idee per la realizzazione del Ponte sullo stretto di Messina risale al 1968, sono stati spesi centinaia di milioni per non vedere la sua realizzazione. Oggi finalmente si volta pagina, questo governo sancisce l’importanza strategica di un’opera non solo per la Sicilia e la Calabria ma per l’Italia e l’Europa, senza trascurare la viabilità interna per ciò che concerne i collegamenti autostradali e ferroviari», commenta il senatore catanese di Fratelli d’Italia, Salvo Pogliese. «Siamo davvero – aggiunge – a un punto di svolta rispetto a un passato in cui non si è stati in grado di concretizzare quella che sarà una delle opere pubbliche che resteranno nella storia».COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA


Articoli correlati