Notizie Locali


SEZIONI
Catania 22°

Sicilia

Schifani su liste d’attesa e carenze di medici: «Occorre lavorare con rigore sui Lep»

Il presidente della Regione Siciliana è intervenuto nel corso di un incontro sul tema della salute come diritto fondamentale

Di Redazione |

«Il tema della sanità appartiene al novero delle competenze concorrenti dell’articolo 117 della Costituzione. Da ciò nasce una sanità diversa da regione a regione. Questo è un punto strutturale, con una conseguenza tangibile, ovvero che, per fare un esempio, in Lombardia abbiamo un modello organizzativo diverso rispetto alla Sicilia. Dunque affrontare con grande rigore il tema dei Lep, come stanno facendo Antonio Tajani e Forza Italia, nel percorso dell’autonomia differenziata è un punto fondamentale». Così il presidente della Regione Sicilia, Renato Schifani, nel corso del convegno «La salute come fondamentale diritto per una riforma della sanità», promosso da Forza Italia alla Camera dei Deputati.

«Altro tema importante – ha aggiunto – è la mancanza dei medici. In Sicilia abbiamo emesso un bando aperto e reclutato 120 medici da varie parti del mondo. E ne cercheremo ancora. Il problema è, purtroppo, un’errata programmazione universitaria che negli anni ha causato una carenza strutturale che paga tutto il Paese. Da parte del ministro Anna Maria Bernini c’è stata la condivisibile iniziativa di aumentare l’accesso alle specializzazioni. Però il tema rimane e, soprattutto al Sud, ci sono pochi medici che spesso emigrano al Nord o fanno i gettonisti». Quanto alle liste d’attesa, Schifani ha osservato: «Quando mi sono insediato in Regione, ho trovato liste lunghissime. La prima cosa che ho chiesto è fare delle verifiche. C’è voluto del tempo, ma le liste d’attesa si sono ridotte ad un quinto, e oggi abbiamo liste di attesa reali».COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA