Notizie Locali


SEZIONI
Catania 29°

Società

Acate, una mostra in un’azienda agricola: inaugurata “Le 21 Madri costituenti”

L'iniziativa in collaborazione con la Consulta femminile di Ragusa e Confagricoltura

Di Redazione |

È stata inaugurata ieri presso l’azienda agricola “La Mediterranea” ad Acate la mostra itinerante “Le 21 Madri Costituenti – Il giorno che le donne si presero la storia. L’iniziativa è realizzata dalla famiglia Gurrieri, in collaborazione con la Consulta Femminile di Ragusa e Confagricoltura Ragusa

“Le aziende agricole sono sempre più luoghi aperti. Penso sia la prima volta che in un’azienda agricola ragusana venga condivisa una mostra con tutti i suoi collaboratori. Perché le aziende sono anche strutture orizzontali,  luoghi nei quali va messo in comune tutto ciò che può essere utile alla crescita di tutti, a partire dalle campagne di prevenzione, fino agli eventi culturali, passando per quelli che parlano di diritti. Una comunità aperta, in crescita, unita dal lavoro e dalla condivisione”, spiega Paola Gurrieri de La Mediterranea.

“Con questa mostra, che sarà visitabile fino all’8 luglio, – aggiunge – vogliamo sollecitare le nostre operaie e i nostri operai, nonché tutti i visitatori, su un momento cruciale della nostra storia nazionale: il 2 giugno del 1946, quando per la prima volta votano le donne per il referendum istituzionale e per l’elezione dell’Assemblea Costituente. Con il contributo decisivo delle elettrici, vinse la Repubblica e furono elette ben 21 donne all’Assemblea Costituente, determinando le regole della nostra Repubblica parlamentare. Conoscere le loro storie vuol dire conoscere un pezzo importante del nostro dna repubblicano”.

Presente all’inaugurazione anche la dottoressa Gianna Miceli che ha portato i saluti della Consulta Femminile di Ragusa e, nel suo intervento, ha sottolineato l’importanza di tenere viva la memoria di queste donne che, con coraggio e determinazione, sono state le pioniere dell’elettorato femminile attivo e passivo, come esempi di impegno civile da seguire.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA